Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sono stati scarcerati i boss Antonino Accorinti, ritenuto il boss indiscusso di Briatico (Vv), e Nazzareno Colace di Portosalvo (frazione di Vibo Valentia), ritenuto il "braccio-destro" del boss Pantaleone Mancuso, detto "Scarpuni". I due tornano in totale libertà, per scadenza dei termini di custodia cautelare, con il solo divieto di dimora in Calabria di due dei principali imputati del processo nato dalla storica operazione antimafia della Dda di Catanzaro denominata "Costa Pulita", scattata nell'aprile 2016. A quattro anni dall'operazione, per il processo con rito abbreviato di "Costa Pulita" - che ha registrato la condanna a 14 anni di e 8 mesi per Antonino Accorinti e a 14 anni per Nazzareno Colace - deve ancora essere fissato l'appello. La sentenza di primo grado è arrivata il 31 luglio 2018, ma il gup distrettuale, Pietro Caré, ha depositato le motivazioni solo nel luglio scorso. Termini di custodia cautelare scaduti anche per il boss Cosmo Michele Mancuso di Limbadi, condannato nello stesso processo a 10 anni di reclusione, che tuttavia non lascerà il carcere solo perché detenuto per altra operazione. Tutti gli altri detenuti del processo "Costa Pulita" - di cui è ancora in corso il primo grado di giudizio dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia con il rito ordinario - sono invece stati già scarcerati nei mesi scorsi per scadenza dei termini massimi di custodia cautelare.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy