Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il lavoro in 'pool', la ricostruzione di flussi finanziari per individuare la "strada del denaro mafioso" e, soprattutto, cooperazioni per combattere le mafie a livello transnazionale. Punti cardine del 'metodo Falcone', come ricorda, a 28 anni dalla strage di Capaci, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho. "Le mafie nascono, si sviluppano e muoiono, diceva Giovanni Falcone" ha detto il procuratore nazionale antimafia, secondo il quale l'insegnamento del giudice morto a Capaci “è di grande importanza per uno Stato credibile, impegnato e in grado di conseguire risultati importanti, di difendere i cittadini e di trainare un movimento culturale che deve portare alla liberazione dei territori dalle mafie”.
L’attenzione del magistrato, oltre a ricordare l’inchiesta sull’imprenditore Rosario Spatola, che fu una “delle prime in cui Falcone applicò il suo metodo per seguire i flussi finanziari", e "l'importanza del lavorare in pool, che poi ha portato all'istituzione della Dna e delle direzioni distrettuali antimafia", si è diretta in particolare sulle indagini sul traffico internazionale di stupefacenti a cui Falcone si dedicò, "esperienza che rese a lui chiarissimo che per il contrasto al crimine transnazionale era necessaria una convenzione come base di cooperazione internazionale" con "strumenti, squadre investigative, sequestri e una serie di norme per una disciplina omogenea", linea di pensiero che poi portò alla Convenzione firmata a Palermo nel 2000.
Secondo il procuratore nazionale antimafia, nella lotta alle mafie a livello internazionale, "certamente si deve fare ancora di più: le mafie hanno una 'struttura militare' fatta di manovalanza a cui vanno riferiti i reati tradizionalmente mafiosi, quali estorsioni, spaccio, violenze, e, allo stesso tempo, una 'struttura imprenditoriale', che si alimenta di rapporti con l'economia legale e che tende a infiltrarsi in vari settori, anche in altri Paesi dove la normativa è meno forte. I mafiosi sembrano essere 'cittadini del mondo' capaci di parlare lingue diverse, di colonizzare, ampliando i propri presidi per reinvestire in vari settori".
In conclusione, il capo della Dna ha ricordato presenza di mafie nel Nord, Centro e Sud America, e le reti nei maggiori porti del nord Europa. "Si tratta di un'organizzazione enorme nei cui confronti non si può muovere autonomamente un solo Paese ma tutti devono iniziare a cogliere le indicazioni di rischio. Occorrerebbe quasi - ha concluso - una legge sovranazionale che consenta il contrasto ovunque le mafie si trovino, con la cooperazione delle autorità giudiziarie superando i confini per interventi il più possibile rapidi".

Fonte: Agi

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy