Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

niosi giovanniNiosi ammette incontri con uomini d'onore, erano vecchi amici
Palermo. Nega di aver "commissionato" ai suoi i taglieggiamenti ai commercianti e agli imprenditori palermitani, sostiene di non sapere nulla del fatto che alcuni boss avevano deciso di ucciderlo. Ammette solo che, dopo la scarcerazione, di lui si diceva che era stato liberato un "cornuto e sbirro". Non si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma nessun contributo ha dato alle indagini Giovanni Niosi (in foto), arrestato martedì dai carabinieri in un'operazione antimafia che ha smantellato le cosche di San Lorenzo e Resuttana. Niosi è stato sentito dal giudice per le indagini preliminari Fabrizio La Cascia alla presenza del pubblico ministero Roberto Tartaglia. Una mezza ammissione, però, il boss, condannato a morte e poi "risparmiato" per intercessione dei capimafia di Porta Nuova, l'ha fatta: avere incontrato altri uomini d'onore nella sua officina. Si sarebbe trattato però - ha detto - di saluti tra amici. Il boss, pompiere con la passione per il cinema - ha fatto la comparsa in una trasmissione sulla mafia di Lucarelli - è accusato di aver retto il mandamento di Resuttana. Sponsorizzato dalla moglie del boss Salvino Madonia, Maria Angela Di Trapani, sarebbe stato destituito perché non sapeva gestire le casse del clan e per aver scelto, violando le "regole mafiose", di patteggiare una vecchia condanna, motivo per cui, peraltro, alcuni boss avrebbero voluto ammazzarlo.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy