Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

siragusa antoninoPalermo. Finito in carcere con l'accusa di essere coinvolto nell'omicidio del penalista palermitano Enzo Fragalà, ucciso a bastonate a febbraio del 2010, a qualche settimana dall'arresto Antonino Siragusa, mafioso del quartiere Borgo Vecchio già condannato per mafia nel processo "Apocalisse", avrebbe cominciato a parlare con gli investigatori autoaccusandosi del delitto. Le sue dichiarazioni - al momento non è ancora considerato un collaboratore di giustizia - sono al vaglio delle pm Caterina Malagoli e Francesca Mazzocco che hanno indagato sull'omicidio. Siragusa ha revocato l'incarico difensivo all'avvocato Enzo Giambruno e ha dato il mandato a Valeria Maffei, legale storica di diversi pentiti come Gaspare Spatuzza. A parlare ai magistrati dell'agguato costato la vita a Fragalà, punito per avere consigliato alcuni clienti di collaborare con gli inquirenti, è stato un altro pentito: Francesco Chiarello che ha consentito alla procura di riaprire un'inchiesta, in passato archiviata, e di arrestare sei persone, tre delle quali già arrestate per l'omicidio e poi scarcerate. Tra loro c'era anche Siragusa. I racconti di Siragusa e Chiarello, però, divergerebbero su diversi punti: da qui la prudenza degli inquirenti nella valutazione delle parole del mafioso del Borgo Vecchio. Due settimane fa il gip aveva accolto la richiesta della Procura di processare tutti i sei imputati col rito immediato.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy