Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

20210804 messico ucciso el bandam

Lunedì notte, Moisés Brito Bautista, 33 anni, detto El Bandam, è stato assassinato in Messico. L'uomo era considerato uno dei leader del gruppo criminale Guerreros Unidos, indagato per il suo collegamento con la scomparsa di 43 studenti ad Ayotzinapa nel 2014.
Il delitto è avvenuto nella città di Cuernavaca, nello stato di Morelos. Il procuratore generale dello Stato, Uriel Carmona, ha confermato l'identità di Brito Bautista e ha fornito i primi dettagli del caso.
Su El Bandam pendeva un mandato di cattura per omicidio in relazione ai fatti di Ayotzinapa. Il leardo criminale è morto dopo essere stato colpito da un proiettile durante un attacco avvenuto all'esterno di un negozio self-service in un noto centro commerciale.
Brito, inoltre, era accompagnato da una donna con la quale viaggiava su un pick-up Mercedes Benz nero, la quale è rimasta gravemente ferita durante la sparatoria. Il corpo dell'uomo è stato lasciato disteso sul viale, dove è stato ritrovato dagli agenti della Commissione statale di pubblica sicurezza (Ces), i primi ad arrivare sul luogo dell'evento.
Secondo una dichiarazione del procuratore generale di Morelos, il Bandam e il suo compagno si sono recati in un parcheggio dove hanno preso contatto con tre individui con cui stavano parlando, "quando uno di loro ha estratto un'arma e ha fatto fuoco contro le vittime ". Gli aggressori sono poi fuggiti a bordo di un'auto.
Secondo i file della polizia, Brito Bautista era il tenente di Juan Carlos 'la Beba' Flores, leader del cartello Guerreros Unidos. Inoltre, secondo dati non ufficiali, aveva disertato dal 27 battaglione di fanteria con sede a Iguala de la Independencia, Guerrero, nel settembre 2012. La banda criminale Guerreros Unidos è legata al caso Ayotzinapa, in cui si indaga sulla sparizione forzata e il presunto omicidio di 43 studenti dopo essere stati aggrediti da agenti della polizia municipale di Iguala, da agenti della Polizia di Stato di Guerrero e soldati del 27° battaglione di fanteria di Iguala. Negli ultimi anni sono stati trovati alcuni resti dei corpi degli studenti.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy