Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sarebbero almeno 23 le vittime di un naufragio avvenuto al largo delle coste tunisine mentre tentavano di attraversare il Mediterraneo verso l'Italia. Allo stesso tempo, altri 70 sono stati salvati martedì scorso. Lo riferisce a InfoMigrants una fonte dell'organizzazione umanitaria della Mezzaluna rossa tunisina. "La barca trasportava più di 90 migranti dalla Libia in Europa" - ha detto Mongi Slim, un funzionario della Mezzaluna Rossa - "L'imbarcazione era partita dal porto di Zuara, a ovest di Tripoli, non lontano dal confine tunisino". I superstiti - 37 eritrei, 32 sudanesi e un egiziano, tutti di età compresa tra 15 e 40 anni - sono stati trovati vicino alla piattaforma petrolifera di Miskar, 67 chilometri al largo della costa tunisina e accolti dalla Mezzaluna Rossa e dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) nel porto di Zarzis, nel sud della Tunisia. Finora sarebbero stati recuperati solo due corpi. La Marina ha salvato anche a 39 migranti a 50 chilometri dalla costa tunisina, partiti tra domenica e lunedì da Sfax.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy