Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Dda di Catanzaro, guidata dal procuratore della Repubblica Nicola Gratteri, ha chiesto al Tribunale di Vibo Valentia la condanna a 7 anni e 6 mesi nei confronti del sacerdote Graziano Maccarone, 43 anni, accusato di tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose.
Invece la Dda ha chiesto di assolvere l'ex sacerdote Nicola De Luca, 43 anni, di Rombiolo, già reggente della Chiesa Madonna del Rosario di Tropea, "perché il fatto non costituisce reato". Secondo l'accusa, Maccarone avrebbe costretto, con violenza o minaccia, una persona del Vibonese alla quale i due sacerdoti avevano prestato del denaro, a restituire loro quasi novemila euro. Il prelato Graziano Maccarone (già segretario del precedente vescovo di Mileto) è anche accusato di aver inviato in due mesi oltre tremila messaggi a sfondo sessuale alla figlia disabile del debitore evocando poi l'intervento del clan Mancuso di Limbadi, fra i più potenti dell'intera 'Ndrangheta, in caso di mancata restituzione del denaro. Le contestazioni coprono un arco temporale che va da dicembre 2012 a marzo 2013.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy