Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il gup di Palermo ha condannato a 12 anni di reclusione Giuseppe Costa, uno dei carcerieri del piccolo Giuseppe Di Matteo. Il processo si è svolto con il rito abbreviato e nasce in seguito al blitz eseguito dai Carabinieri e dalla Dia di Trapani nel dicembre dello scorso anno. Dopo una lunga detenzione Costa era tornato in libertà il 3 febbraio 2017, ma le microspie dei militari, a distanza di poco più di un mese, avevano iniziato nuovamente a documentare i suoi contatti con i vertici della Mafia di Trapani e Marsala. Nel corso delle indagini era stato documentato anche un summit in cui si sarebbe parlato anche delle elezioni regionali del 2017 e di investimenti da programmare nel settore della raccolta dei rifiuti inerti.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy