Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte di Assise di Appello di Bari ha confermato otto condanne a pene comprese tra i 20 anni e i 16 anni di reclusione nei confronti di altrettanti affiliati al clan Strisciuglio di Bari, imputati per il duplice omicidio mafioso di Luigi e Antonio Luisi, padre e figlio, uccisi secondo la Dda di Bari nell'ambito di una guerra tra clan per il controllo dello spaccio di droga nel quartiere Libertà. Il 30 aprile 2015 fu ucciso in un agguato il figlio e ferito il padre  Luigi Luisi, vero obiettivo dei killer. Il figlio, estraneo ai contesti criminali, fu ucciso per errore perché si frappose tra i sicari e il padre per salvarlo. Il 31 ottobre 2016 il clan portò a termine l'obiettivo, tornando a colpire Luigi Luisi, che morì in ospedale il 14 novembre dopo due settimane in coma. In particolare, i giudici del secondo grado hanno confermato le condanne già inflitte nel dicembre 2019 in primo grado, con rito abbreviato: 20 anni di reclusione per i pregiudicati Vito Valentino e Alessandro Ruta, ritenuti i mandanti del primo agguato in cui morì il figlio; Domenico Remini, pianificatore di entrambi i delitti; Christian Cucumazzo e Antonio Monno, esecutori materiali dell'omicidio del figlio e del tentato omicidio del padre Luigi; Maurizio Sardella, che avrebbe aiutato i sicari dell'agguato al padre, monitorando i movimenti della vittima. Confermate anche le condanne a 18 anni di reclusione per Donato Sardella, figlio di Maurizio, e a 16 anni per Gaetano Remini, fratello di Domenico, che confessarono di essere gli esecutori materiali dell'assassinio di Luigi Luisi

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy