Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il 22 aprile scorso 130 persone hanno perso la vita a largo della Libia. Per accertare l'eventuale rilevanza penale delle condotte che hanno configurato il naufragio, i rappresentanti di alcune organizzazioni ed alcuni avvocati, il Comitato Nuovi Desaparecidos, la Fondazione Open Arms, l'Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione Asgi, Alarm Phone, Mediterranea Saving Humans, l'Arci, Progetto Diritti e, in proprio, il senatore Gregorio De Falco, gli avvocati Alessandra Ballerini, Emiliano Benzi, Michele Calantropo, Stefano Greco, Serena Romano, Arturo Salerni, hanno presentato un esposto alla Procura di Roma. "Questo naufragio, come la lunga serie di eventi simili che lo precedono, non è il frutto del caso, non è politicamente neutro - spiega una nota -. E' il puntuale prodotto delle azioni e delle politiche delle istituzioni italiane ed europee. Abbiamo la responsabilità storica di continuare a ripeterlo in ogni sede utile: è indispensabile ribaltare la logica che governa il Mediterraneo centrale e predisporre, in maniera rapida ed efficace, operazioni strutturali e pubbliche di soccorso in mare".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy