Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
L’ex deputato della regione Sicilia Paolo Ruggirello torna in carcere dopo essere guarito dal Coronavirus, contratto agli inizi di aprile. A stabilirlo è il Tribunale di Trapani, collegio presieduto dal giudice Daniela Troja, che ha rigettato la richiesta di trasferimento ai domiciliari avanzata dai legali dell'ex politico. Ora Ruggirello - arrestato per Mafia il 5 marzo dello scorso anno nell'ambito del blitz Scrigno - si trova nuovamente detenuto al carcere di Santa Maria Capua Vetere dove era rinchiuso prima di risultare positivo al tampone lo scorso 5 aprile. In quell’occasione Ruggirello venne trasferito all'ospedale Cotugno di Napoli dopo una campagna stampa condotta dai suoi familiari e anche in seguito all'intervento del Garante dei diritti dei detenuti della Regione Campania. L’indomani i suoi avvocati, Vito Galluffo e Carlo Taormina, erano tornati a chiedere il trasferimento ai domiciliari al termine del periodo ospedaliero. In queste settimane i giudici di Trapani hanno acquisito un dossier sanitario redatto dai medici napoletani, oltre che una perizia psicologica presentata dai suoi legali, e anche i pm della Dda (procuratore aggiunto Paolo Guido, sostituti procuratore Claudio Camilleri e Gianluca De Leo) avevano espresso un parere negativo. Lo scorso 12 maggio - con la riapertura dell'attività giudiziaria - era iniziato il processo ordinario in cui il politico era imputato con l'accusa di associazione mafiosa davanti ai giudici del Tribunale di Trapani che hanno stralciato la sua posizione, soprattutto per consentire l'avvio della fase processuale. Il processo scaturisce dall'omonimo blitz Scrigno, eseguito dai carabinieri lo scorso anno su richiesta della Dda di Palermo, per cui furono arrestati l'ex deputato all'Ars Paolo Ruggirello, il presunto capomafia della città Francesco Orlando e i fratelli Francesco e Pietro Virga, figli dell'allora capo mandamento Vincenzo Virga, arrestato da latitante nel 2001. L'indagine - oltre alle dinamiche interne della Mafia di Trapani - ipotizzò l'interesse di condizionare le elezioni regionali del 2017 e quelle amministrative di Erice dello stesso anno.

Fonte: Agi

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy