Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' morto a 76 anni nella sua casa di Castelfidardo (Ancona) stroncato da un infarto, Sergio Picciafuoco. Condannato per vari reati comuni come furto e ricettazione, era stato coinvolto nella strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, condannato all'ergastolo nel 1988 e poi assolto nel 1997. Da giorni non rispondeva alle telefonate degli amici, che alla fine si sono rivolti ai carabinieri. Picciafuoco è stato trovato esanime a terra, vicino al lavandino della cucina, con l'acqua che scorreva e i piatti sporchi lavare. Una vita, la sua, da romanzo criminale: lui stesso, in una lunga lettera aperta scritta 10 anni fa, ammise di aver commesso reati predatori. Considerato vicino agli ambienti dell'estrema destra, anche se ha sempre smentito di aver aderito ai Nuclei Armati Rivoluzionari, era alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980 e rimase anche leggermente ferito. Secondo gli inquirenti era in possesso di una ricetrasmittente simile a quella di un altro personaggio coinvolto nelle indagini, "Primula Nera" Paolo Bellini, con il quale vennero ricostruiti i contatti già nei giorni precedenti all'attentato. Nonostante l'assoluzione, Picciafuoco è stato sempre seguito dall'ombra della strage: due mesi fa era stato chiamato in Tribunale a Bologna per un confronto con lo stesso Bellini nel processo sui mandanti. Per farlo andare era stato disposto l'accompagnamento coattivo. Per sua espressa volontà, il suo corpo sarà cremato.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy