Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un provvedimento di confisca di primo grado di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 2 milioni e mezzo di euro, è stato notificato dalla Guardia di finanza di Taranto a un pregiudicato 59enne condannato in via definitiva nel 2003 per associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata alla commissione dei reati di usura, rapina, estorsione, sequestro di persona, riciclaggio, traffico di sostanze stupefacenti e contrabbando di sigarette.
Il patrimonio fu già sequestrato a novembre 2020 dalla stessa Autorità Giudiziaria, ai sensi del Codice Antimafia. Le indagini furono coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Lecce e riguardarono il pregiudicato e il suo nucleo familiare. Venne accertata una sproporzione notevole tra i beni a loro riconducibili e ai redditi dichiarati. La sproporzione si è ancor più palesata rilevando i costi onerosi sostenuti per le spese legali necessarie a fronteggiare i numerosi procedimenti penali che hanno visto coinvolto il pregiudicato. Tra i beni confiscati figurano due attività commerciali, una operante nel settore ittico e l'altra in quello della ristorazione, due auto di grossa cilindrata ed una villetta in località Lido Azzurro di Taranto, nella quale era stata realizzata anche una piscina.Il provvedimento è una confisca di primo grado, potrà o meno divenire definitiva soltanto a seguito di successivo giudizio della Corte d'Appello.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy