Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il mio è stato "un attentato studiato scientificamente. Ma per qualcuno non basta, bisognava morire. Depistaggi e mascariamenti sono cominciati come nella migliore tradizione siciliana". A dirlo è l’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, nella Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, in audizione alla Commissione parlamentare nazionale di inchiesta sul fenomeno delle mafie, dove è stato ascoltato in merito all'attentato subito nel 2016. Secondo Antoci “la Dda di Messina - ha affermato dinanzi ai parlamentari - ha affidato alla polizia scientifica le indagini usando una tecnica innovativa per studiare l'attentato sui Nebrodi, perizia che ha confermato che tutto ciò è compatibile con quanto dichiarato da chi è stato coinvolto nell'attentato". L’ex presidente del Parco dei Nebrodi ha in più passaggi puntato l'indice verso la Commissione parlamentare antimafia della Sicilia. "La commissione regionale antimafia si occupa della modalità dell'agguato con un metodo sorprendente - ha segnalato Antoci - sostituendosi alla magistratura, insinuando dubbi e interrogativi addirittura in contrasto con i documenti dell'autorità giudiziaria". "Sono rimasto deluso - ha aggiunto - dalle dichiarazioni fatte dal presidente della Commissione (Claudio Fava, ndr) dove definisce le modalità dell'attentato stravaganti; prima dell'audizione il presidente sembrava già convinto delle sue tesi. Io e gli uomini della scorta quella stravaganza ce la porteremo per tutta la vita. E' umiliante sentire queste parole". Poi parlando sempre di Fava ha rincarato la dose: "Il silenzio del presidente della Commissione dopo gli arresti del 15 gennaio contro la mafia dei terreni dei Nebrodi è stato un brutto segnale, chiedere scusa è un atto di grande valore. Scusa non solo a me ma a tutti gli uomini della scorta, alla mia famiglia, ai magistrati e agli uomini delle forze dell'ordine e a chi non c’è più come il dottor Granata. Qualcuno dice che il presidente Fava anche uscendo da qui non ha chiesto scusa, allora dico io scusa per l'ignobile spettacolo dato ai cittadini, scusa per non essere morto quella notte con gli uomini della mia scorta, se io fossi morto sono certo che ogni 18 maggio qualcuno sarebbe stato davanti alla lapide usando parole roboanti. So che non sono l'unico ad avere ricevuto fango".
In conclusione, Antoci, dicendosi più volte deluso, ha riflettuto: "Cosa penserà un amministratore che decide di denunciare, che è meglio non farlo per non rischiare la solita delegittimazione e mascariamento? La verità arriva sempre anche se provoca tanto dolore". "Una verità - ha affermato nella conclusione del suo intervento - che qualcuno ha voluto sporcare”.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy