Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

maggiani chelli giovanna 850

Profondamente colpiti dalla personalità dirompente della Dottoressa Fiammetta Borsellino, abbiamo seguito la trasmissione “Che tempo che fa” andata in onda domenica scorsa sulla Rai 1.
La dottoressa Borsellino è nelle nostre attenzioni perché suo padre il giudice Borsellino è stato ucciso, come i nostri parenti, dal gruppo di fuoco di Leoluca Bagarella. Malgrado la sentenza di Cassazione del 6 maggio 2002, le morti dei due giudici, Falcone e Borsellino, vengono attribuite, giornalisticamente parlando, come appartenenti ad un’unica strategia stragista.
La trattativa Stato-Mafia, è ormai conclamato, è stata la condanna a morte dei nostri parenti più cari. Saranno i processi a stabilire le intenzioni e le vendette della mafia verso i giudici di Palermo; ma nel frattempo siamo meravigliati che nelle Rai di Stato si sposino tesi che sconvolgono la realtà dei processi come quelli di Firenze, e come quello a Francesco Tagliavia, i quali sanciscono che trattativa ci fu.
Gli appalti, gestiti dal Ministro dei lavori pubblici della mafia, non c’entrano nulla con i massacri del 1993: ormai è prova provata.
Ai microfoni importanti, per i quali paghiamo il canone, hanno parlato giornalisti e figlie di giudici uccisi dalla mafia. Nel 1993 sono state uccise anche persone innocenti normali: per loro non parla nessuno, né familiari delle vittime e neppure i magistrati che da anni si battono per la verità sulle stragi del 1993, ovvero per la trattativa Stato-Mafia. Forse è il caso di fermare una deriva pericolosa in nome di un dolore più che giusto, ma proprio per il senso di giustizia a cui tutti abbiamo diritto è necessario dare spazio e parola anche a quanti in Italia hanno sofferto in quel 1993 o a chi per loro.

Giovanna Maggiani Chelli

Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ARTICOLI CORRELATI

I parenti delle vittime di mafia non dicano falsità

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy