Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

sala giuseppe c ansaSbagliato "rinunciare" a sviluppo per "paura delle infiltrazioni"
Milano. Per il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, la mafia si combatte anche creando “crescita e progresso, una società più ricca e necessariamente più giusta”. Lo ha sottolineato durante la cerimonia per il ventiquattresimo anniversario della strage di via Palestro che “ha provocato dolore, smarrimento e rabbia, ma ha rappresentato anche un vero punto di svolta nella storia della città e della lotta alla criminalità organizzata”. Quel giorno, ha proseguito, “è caduta l’illusione che la mafia a Milano non avesse messo piede, ma la città ha reagito con dignità e compostezza, oltre che con decisione e intransigenza, e ha sbarrato la porta a quella cultura di morte”. La guerra al crimine organizzato, ha ricordato il sindaco “non è ancora vinta”, ma “abbiamo vinto molte battaglie” e adesso “bisogna andare fino in fondo” anche puntando sullo sviluppo dell’economia, in particolare a beneficio dei giovani, in modo da renderli più difficilmente prede delle cosche. “Milano ha grandi progetti e anche questo è indirettamente lotta alla mafia”. Per questo, a suo parere, è sbagliato “rinunciare” a crescere per “paura delle infiltrazioni” della criminalità. Il sindaco ha anche osservato che nella lotta alla mafia gli amministratori locali hanno “un ruolo importantissimo, per questo abbiamo deciso di condividere il 3 ottobre pratiche antiriciclaggio e contro la corruzione con i Comuni della Città metropolitana. Vogliamo dimostrare che crescere si può e si deve con modelli di maggiore equità e rispetto regole”. Un’iniziativa, ha concluso, legata dal fatto che “spesso la criminalità organizzata trova più facilità a radicarsi nei Comuni dell’hinterland, quindi abbiamo deciso di chiamare a raccolta tutti i sindaci, di tutte le parti politiche, perché bisogna da questo punto di vista lavorare assieme. Più questo territorio cresce, e per fortuna sta crescendo, più farà gola”.

askanews

Foto © Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy