Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

pm ielo cascini tescaroliIl pm: "Imputati sapevano di essere parte di un'organizzazione"
Roma. "L'apporto di Carminati con la sua riserva in termini di violenza consente a Buzzi di azionare il sistema intimidatorio con la Pubblica amministrazione". Così il pm Tescaroli nella requisitoria al processo Mafia Capitale. "Gli imputati sono consapevoli di far parte di una struttura organizzata - ha detto - che, con una sistematica attività corruttiva, ha condizionato gli appalti". "Carminati fornisce una riserva di violenza mentre Buzzi mette a disposizione un capitale istituzionale e i rapporti con la 'ndrangheta - ancora Tescaroli -. Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero sono referenti della 'ndrangheta a Roma e sono inseriti a pieno titolo nell'organizzazione romana". Il ruolo di Luca Gramazio - ex capogruppo Pdl alla Regione - e di Franco Panzironi - ex Ad di Ama - come "cerniere tra l'organizzazione mafiosa" guidata da Buzzi e Carminati e il mondo politico è stato ribadito. La requisitoria riprenderà il 26 aprile, poi le richieste di condanna e le arringhe difensive.
La sentenza entro metà luglio.

ANSA

Foto © Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy