Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“Due miti viventi del giornalismo sulla mafia, la loro storia rimanga monito per tutti”

“Una delle pagine più vergognose della storia giudiziaria: un mandato di cattura per mettere a tacere la stampa libera”. Ha commentato così, in un post su Facebook, il consigliere togato Sebastiano Ardita, l’arresto, avvenuto nel lontano marzo del 1988, dei due giornalisti Attilio Bolzoni e Saverio Lodato. L’accusa era di aver pubblicato le rivelazioni del pentito Antonino Calderone, violando il segreto istruttorio (entrambi furono poi assolti nel 1991 dall'accusa di peculato e amnistiati per quella di rivelazioni del segreto istruttorio). Secondo il magistrato Catanese “le dichiarazioni di Calderone che pubblicarono, riguardavano molti fatti gravi ma non tutte - e in special modo quelle su cosa nostra catanese - vennero all’epoca sviluppate”. “Oggi - scrive Ardita - Attilio Bolzoni e Saverio Lodato sono due miti viventi del giornalismo sulla mafia e la loro storia deve rimanere un monito per tutti. Mi sento onorato della loro amicizia - ha aggiunto - ma li considero anche punti di riferimento ideali e culturali”. “Arrestare, mettere sotto processo, diffamare, isolare chi cerca la verità è uno dei più grossi crimini istituzionali che si possa commettere in una democrazia. In tutti i luoghi, in tutte le funzioni, in tutti i mestieri”, ha concluso.

Tratto da: facebook.com

Video

  • All
  • Agende Rosse
  • Angela Manca
  • Cosa Nostra
  • Gaspare Mutolo
  • Luana Ilardo
  • Luisa Impastato
  • Peppino Impastato
  • Red Ronnie
  • Video
  • Vincenzo Muccioli

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy