Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I legali: "Impedito lo sciopero, è nullo". Si attende la Consulta
di AMDuemila
E' un vero e proprio colpo di scena quanto avvenuto nei giorni scorsi nell'aula dove si sta tenendo il processo Aemilia, il più grande procedimento sulle infiltrazioni di 'Ndrangheta mai celebrato al nord, con circa 150 imputati (la sentenza sarebbe prevista per settembre). Una recente sentenza della Cassazione, secondo gli avvocati difensori, potrebbe rendere nullo un anno di udienze, facendo retrocedere il dibattimento a maggio 2017, quando i giudici decisero di impedire due giorni di sciopero agli avvocati nell'ambito della riforma della giustizia dell'ex ministro Orlando.
La Suprema Corte ha infatti giudicato "abnorme" la decisione del Collegio reggiano, in "violazione del diritto costituzionale della difesa". La richiesta odierna dei legali era dunque di "sospendere le udienze almeno fino al 4 luglio, giorno in cui la Corte Costituzionale si pronuncerà nel merito". Ma i giudici hanno deciso di proseguire con i lavori come da calendario. L'astensione era stata proclamata a maggio 2017 nell'ambito delle proteste per la riforma della giustizia. Il Collegio aveva motivato la sua decisione sulla base dell'interesse per il detenuto (che avrebbe visto così allungare il suo periodo di detenzione) e dell'interesse sociale del processo. Nello stesso tempo, il presidente dei giudici, Francesco Maria Caruso, aveva investito la Corte Costituzione della questione sull'interpretazione della norma, non sospendendo però il processo e proseguendo con i lavori di aula fino a oggi. L'avvocato Luca Andrea Brezigar del foro di Modena (difensore degli imputati Paquale Riillo e Antonio Muto) ha però impugnato la decisione del tribunale reggiano davanti alla Cassazione. La sentenza della Suprema Corte è arrivata un anno dopo, il 5 giugno 2018. La decisione dei giudici di Aemilia (e il loro appellarsi alla Corte Costituzionale nell'interpretazione della norma) avrebbe di fatto "sospeso il loro potere decisionale" per tutti gli atti successivi a maggio 2017, dicono i legali interpretando la sentenza. E, per un effetto 'domino' previsto dalla norma, tutte le udienze che sono state celebrate da maggio 2017 in poi potrebbero essere nulle; con la conseguenza di dover rifare un anno di processo e la possibilità che i detenuti vengano scarcerati prima della sentenza. Dopo una camera di consiglio di due ore, però, il collegio di Aemilia ha deciso di procedere con le udienze: la Cassazione, è l'interpretazione del tribunale, avrebbe annullato solo l'ordinanza contro gli scioperi "mentre la sentenza indicata che fa riferimento alla potestà decisionale sarebbe basata su fattispecie diversa dalla nostra". Il pm Beatrice Ronchi della Dda di Bologna si era rimessa alle decisioni del Tribunale, interpretando però come "incoraggiante" l'ultima parte della sentenza della Cassazione. L'udienza della Corte Costituzionale, che si pronuncerà nel merito sulla prima decisone di Caruso, è stata fissata appunto per il 4 luglio.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy