Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

dia web7Già in carcere e coinvolto nell’operazione “‘Ndrangheta banking"
di AMDuemila
La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria ha confiscati beni nei confronti di Gianluca Ciro Domenico Favara, 49enne imprenditore nativo di Milano, ritenuto contiguo alle cosche ‘ndranghetiste di Rosarno e di Reggio Calabria e attualmente in carcere.
Favara nel dicembre 2014 era stato condannato in primo grado a 10 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso ed intestazione fittizia di beni in quanto ritenuto gestore e curatore degli affari della cosca Condello di Archi di Reggio Calabria, interessata al controllo di attività imprenditoriali, tra le quali la discoteca “Il Limoneto” di Catona (RC).
Per Favara la Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria ha disposto la sorveglianza speciale per quattro anni con obbligo di soggiorno nel comune di residenza o di dimora abituale, data la pericolosità sociale del soggetto abitualmente dedito ad attività delittuose.
La confisca, dal valore complessivo di 800mila euro, ha riguardato il capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale della lavanderia “Lavaservice di Favara Gianluca Ciro Domenico”, e della “MI.RO Srl”, (entrambe con sede legale a Rosarno) che si occupa di “fornitura per tutti settori di catering in generale, di stireria e di tintoria”.
Favara è stato inoltre raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nell’ambito dell’operazione “Ndrangheta Banking” condotta dai Carabinieri del Ros di Reggio Calabria e dai Centri Operativi Dia di Milano e Reggio Calabria. In quell'occasione a Favara sono stati contestati i reati di usura, estorsione, lesioni, violenza privata ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria, tutti aggravati dalla modalità mafiosa. L’indagine ha accertato, in particolare, come un gruppo organico alla cosca Pesce-Bellocco di Rosarno facente capo a Favara, agendo con condotte estorsive e usurarie, abbia messo in atto un lento e graduale processo di aggressione del patrimonio mobiliare e immobiliare di imprenditori milanesi.

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL TEMPO DELLE FARFALLE

IL TEMPO DELLE FARFALLE

by Julia Alvarez

...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...


MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...

MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...


IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...

OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy