Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

orlando-federico1di Santo Della Volpe - 10 agosto 2014
Federico Orlando è stato e sarà sempre un Campione di Libertà. Esempio per tutti i giornalisti, riferimento di quell’orgoglio professionale che si coniugava sempre con una profonda etica della personale e giornalistica. Quella del cronista prima di tutto, del commentatore poi, dell’organizzatore di idee e di ricerca, di approfondimento e di notizie. Mestiere complesso il nostro, che coniuga tutte queste variabili di grande responsabilità civile e politica: ma mestiere meraviglioso, come diceva Federico, che da la possibilità di vedere cambiare la società, scoprire i meccanismi che regolano la convivenza civile, l’indipendenza di giudizio e, soprattutto, la libertà di rappresentare i problemi e le riflessioni avendo sempre i lettori, i cittadini come punto di riferimento. Un cambiamento nel quale ci ha insegnato a leggere gli aspetti positivi e negativi! Impegnandosi in prima persona quando era il caso di fermarsi a difendere principi e realtà, di fare battaglie per la libertà di informazione. Per questo Federico Orlando parlava spesso del suo punto di riferimento che è diventato il nostro faro: la Costituzione Italiana, quella materiale (la carta ed i suoi articoli, in particolare, non a caso, l’Articolo21), e la costituzione che si vive ogni giorno con i sì ed i no necessari per ciascun cittadino e ciascun giornalista, in particolare, affinchè quel dono di libertà ereditato dalla Resistenza e dai padri costituenti, possa tramandarsi alle future generazioni. 

Federico per questo ha voluto dire dei no a chi voleva costringerlo in una proprietà che non era solo fatta di CdA o amministrazione, ma voleva condizionare la libertà di giudizio, di osservazione dei fatti e delle notizie. Disse di no a Berlusconi e disse di si alla libertà di informazione.
A Federico dobbiamo tutti molto, moltissimo. Le sue parole , da vero gentiluomo, mai aggressive ma chiare e decise, la sua presenza nei momenti difficili, la sua ferma posizione anche nelle insenature della vita dove possono insinuarsi dubbi e tentazioni. Il suo modo di giudicare fatti e notizie da spirito libero, sono state e saranno una via per tutti noi.
Grazie Federico, campione di libertà, ora ed in futuro.

Tratto da: articolo21.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy