Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La richiesta è stata avanzata e accolta dal presidente dalla Corte d'Assise d'Appello

La Corte di assise di appello, presieduta da Angelo Pellino e da Vittorio Anania, ha chiesto e ottenuto dal presidente della Corte d’Appello, Matteo Frasca, altri 90 giorni di tempo per scrivere le motivazioni della sentenza di secondo grado del processo Trattativa Stato-mafia con la quale il 23 settembre scorso, ha disposto l'assoluzione dell'ex senatore Marcello Dell'Utri, dell'ex capo del Ros, il generale Mario Mori, del generale Antonio Subranni e dell'ufficiale dei carabinieri Giuseppe De Donno con la formula “il fatto non costituisce reato”. Con la stessa sentenza, la Corte di assise di appello aveva ridotto la pena a 27 anni per il boss corleonese Leoluca Bagarella e confermato quella per il medico-boss Antonino Cinà. Con la sentenza di settembre, la Corte ribaltò il giudizio del maggio 2018 con cui in primo grado erano stati condannati a 28 anni di carcere il boss Leoluca Bagarella, a 12 anni Dell'Utri, Mori, Subranni e Cinà. Le motivazioni del primo grado erano contenute in circa cinquemila pagine.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Processo trattativa, sentenza ribaltata

Processo trattativa, le condanne sono solo per i ''soliti'' mafiosi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy