Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Macerata, in trentamila al corteo antifascista

Macerata, in trentamila al corteo antifascista

IMG 4697di Miriam Cuccu - Foto
La manifestazione dopo la sparatoria: un segnale di svolta per ripartire

La città blindata, le vetrine dei negozi difese da pannelli di compensato e il centro storico, deserto, presidiato dalle forze dell’ordine. Così si presentava Macerata, dove invece è un pacifico fiume di trentamila manifestanti, secondo le stime degli organizzatori, a circondarne le mura. Qui, dopo l’omicidio di Pamela Mastropietro e la successiva sparatoria contro sei migranti per mano di Luca Traini, si sono radunati movimenti, associazioni, centri sociali e cittadini maceratesi e di tutta Italia per urlare il proprio “no” contro il razzismo e il fascismo. “Siamo tantissimi, questa è una vera e propria boccata di ossigeno” dicono gli organizzatori in testa al corteo, al termine di una settimana di fuoco in cui solo ieri il sindaco, Romano Carancini, ha dato l’effettiva autorizzazione all’evento.
Tra i manifestanti anche Cècile Kyenge, ex ministro dell’integrazione con il governo Letta: “Ogni persona deve avere libertà di camminare in tutta libertà e nel rispetto dei valori di uguaglianza” dichiara, mentre il corteo comincia a prendere forma. Giunti a Macerata anche il vignettista Sergio Staino, il giornalista Adriano Sofri e Pippo Civati di Leu. Sofri afferma di essere qui “per testimoniare solidarietà a chi è stato colpito da questa rinascita del fascismo”, la punta “di un iceberg molto più grosso che sta crescendo in Italia” e per questo “bisogna essere presenti”. “Non bisogna avere paura” sono state invece le parole di Gino Strada, presidente di Emergency, ugualmente presente al corteo. “Le istituzioni che mettono sullo stesso piano questa manifestazione con gli assassini, chi ha cercato di stoppare questa manifestazione è ideologicamente corrotto e colluso”.


Tante le bandiere che colorano le strade, tra cui quelle di Legambiente, Libera, Arci, Fiom, No Tav, Potere al popolo, Anpi, mentre la folla urla “siamo tutti antifascisti” e gli elicotteri sorvolano Macerata. Nonostante i nervi tesi dopo giorni di sgomento e tensione, con cui anche domani bisognerà fare i conti per pensare a come ricominciare, questa città ha saputo dare un nuovo segnale di svolta. Né è convinto anche Alessandro Fulimeni, responsabile del servizio rifugiati Sprar: “Oggi da Macerata parte una risposta forte, dalla valenza nazionale. Da qui può ripartire un percorso consapevole dei rischi di fascistizzazione strisciante che sta vivendo la nostra società, e la necessità di porre un argine al fenomeno del razzismo, oramai dirompente, che da alcuni anni vede le Marche come uno degli avamposti”. Solo un anno e mezzo prima Emmanuel Chidi Nnamdi, di origini nigeriane, era stato picchiato e ucciso a Fermo dopo una lite per strada. “Oggi occorre un lavoro capillare di ricostruzione del tessuto sociale” prosegue Fulimeni, che mette al primo posto il fatto che i diritti dei migranti “sono violati in maniera drammatica” mentre “l’Italia continua a stipulare accordi per esternalizzare le frontiere con regimi genocidiari”. Per questo, afferma, “occorre una forte versione di tendenza. E occorre bloccare la legge Minniti”. Nei giorni scorsi il ministro dell’Interno aveva fatto eco alla posizione del sindaco di Macerata di stoppare tutte le manifestazioni. Invece, ribadisce Fulimeni, “questa manifestazione è stata importante. È l’esserci che sconfigge la paura e che dà una risposta democratica. Il non esserci, oggi, avrebbe rafforzato la pericolosa tesi dell’equidistanza tra fascismo e antifascismo”.

Arrivano anche le parole di don Luigi Ciotti, presidente di Libera: “Noi ci siamo. È un segnale da tante realtà da che parte si sta” dice, sottolineando che “la prima attenzione è verso Pamela che dobbiamo portare nel cuore, verso i feriti. Il resto diventano momenti per manifestare che però non devono essere parole ma impegni”. Appello al quale fa eco una ragazza in testa al corteo, mentre la folla rientra ai Giardini Diaz: “Siamo qui innanzitutto per Pamela. E per tutte le donne che subiscono violenza”. Tra gli striscioni che campeggiano sulle migliaia di presenti uno recita: “Un abbraccio collettivo a Jennifer, Omar, Gideon, Mahamadou, Wilson, Festus”. Sono i nomi di chi è rimasto ferito durante la sparatoria. Come a voler dire che tra vittima e vittima non esiste differenza.

IMG 4760

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO TORTORA

IL CASO TORTORA

by Luca Steffenoni

A trent'anni dalla morte di Enzo TortoraUn legal...

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...


LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...

B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca