Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Scorta civica torna davanti al Tribunale di Palermo

Scorta civica torna davanti al Tribunale di Palermo

di AMDuemila - Foto e Video
Riprende il presidio a sostegno dei magistrati del processo trattativa Stato-mafia

Torna Scorta civica, il movimento di associazioni e cittadini che sostiene il pool della trattativa Stato-mafia. Questa mattina, davanti al Tribunale di Palermo, è stato istituito nuovamente il presidio simbolico per tenere alta l'attenzione sulle minacce ricevute dal pm Nino Di Matteo, affinché siano tenuti accesi i riflettori sulla sua sicurezza e sui rischi che corre il magistrato più scortato d'Italia.



Tra i cartelloni, quello del Movimento dei Poliziotti Democratici e Riformisti, della Segreteria Provinciale di Palermo, dell'Associazione Diritti e Tutele, insieme allo slogan “Sempre al fianco di chi indaga sulla trattativa Stato-mafia cercando la verità e non effimera visibilità”, riferito alla recente richiesta (poi accolta) del procuratore Francesco Lo Voi affinché Di Matteo resti per altri sei mesi a Palermo, prima di andare alla Procura nazionale antimafia.
“La speranza è che Di Matteo abbia una protezione migliore nella sede che gli è stata assegnata, rispetto a quella che ha qui sul territorio” ha commentato il presidente dell'Associazione Diritti e Tutele. “Scorta civica ha deciso di riaccendere i fari sul tribunale. – è stato l'annuncio del movimento – Non capiamo perchè prima il trasferimento era stato chiesto da Lo Voi per la sicurezza di Di Matteo, e poi questo stesso trasferimento viene osteggiato”.


“Le minacce a Di Matteo, purtroppo, non si sono fermate – ha commentato Giorgio Bongiovanni, direttore di ANTIMAFIADuemila, intervistato da L'Orae già da tempo sono diventate condanne a morte”, per questo “chiediamo alla città e a tutto il Paese di sostenere questo magistrato. Non vogliamo più stragi”. Parlando dei rischi corsi da Di Matteo a Palermo, Bongiovanni ha dichiarato che “la mafia ha sempre fatto grossi attentati a Palermo, non a Roma, tanto è vero che per uccidere Falcone hanno aspettato che tornasse” nel capoluogo siciliano.
Ora il presidio di Scorta civica riprenderà tutte le settimane, nei giorni di martedì e mercoledì. Un messaggio simbolico di solidarietà e sostegno non solo per la cittadinanza, ma anche per chi si cela dietro l'escalation di minacce e intimidazioni nei confronti del pm della trattativa Stato-mafia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta