Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Niente Dna fino a novembre per Di Matteo

Niente Dna fino a novembre per Di Matteo

di matteo c emanuele di stefanoIl Ministero della Giustizia accoglie la richiesta di Lo Voi
di AMDuemila
Il magistrato Nino Di Matteo non andrà subito alla Direzione nazionale antimafia ma resterà a Palermo per altri sei mesi (a partire dal 15 maggio) come sostituto procuratore. A deciderlo è il Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria del ministero della Giustizia che ha accolto la richiesta del procuratore capo di Palermo. Francesco Lo Voi, lo scorso 20 marzo, aveva chiesto il “post possesso” del nuovo incarico di Di Matteo. La motivazione? Consentire al pm di portare avanti il processo sulla trattativa Stato-mafia e le relative indagini tutt’ora aperte di cui si sta occupando il magistrato palermitano. Soluzione però non auspicata dal pm di Palermo che, fin dalla sua nomina, chiedeva invece di essere applicato al processo da lui seguito, così da non dover abbandonarlo quando ormai giunge al termine, ma poter iniziare da subito a ricoprire il suo incarico alla Dna. "Questa procedura diversa da quella della applicazione che avevo auspicato - ha spiegato Di Matteo a La Repubblica - mi impedisce di fatto, per un consistente lasso di tempo, di prendere possesso delle funzioni di sostituto procuratore nazionale attribuitemi in esito a un regolare concorso".
Il magistrato aveva ribadito la sua richiesta d’applicazione anche con il ministero della Giustizia, al quale aveva scritto nei giorni scorsi.
“Sono convinto - ha detto ancora - che c'erano gli strumenti per coniugare il mio diritto ad essere trasferito nella nuova sede con l'esigenza di assicurare la continuità del mio lavoro nel processo. Si è preferito trattenermi ancora nelle funzioni di sostituto procuratore a Palermo”.
E così il magistrato dovrà attendere ancora per essere trasferito alla Dna, ma a novembre finalmente dovrebbe iniziare a ricoprire l’incarico per il quale è stato promosso dal Csm il 15 marzo scorso. Un incarico per due volte negato dal Consiglio superiore della magistratura al pubblico ministero, una volta perché fu bocciato nonostante il suo curriculum e la seconda per un semplice vizio di forma. A fine 2016, a causa degli elevati rischi per la sua sicurezza, il Csm aveva proposto a Di Matteo un trasferimento d’urgenza alla Pna, al di fuori di ogni concorso. Oggi invece, a distanza di pochi mesi, nonostante non siano cambiati i rischi riguardo la sua tutela, il ministero della Giustizia ha deciso che il magistrato rimarrà a Palermo fino a novembre.

Foto © Emanuele Di Stefano

ARTICOLI CORRELATI


Di Matteo: ''Ho chiesto applicazione al processo trattativa. La Dna non è una fuga''

Nino Di Matteo, che da solo scalò la montagna

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta