Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Uno scandalo nazionale

Opinioni

Uno scandalo nazionale

gomez-peter-web5di Peter Gomez - 7 marzo 2012
A volerla esaminare con freddezza la questione è di una semplicità disarmante. Con le perquisizioni di ieri al leghista Davide Boni per un milione di euro di presunte mazzette, quattro su cinque dei componenti dell’ufficio di presidenza del Consiglio regionale lombardo si ritrovano o sotto inchiesta, o in manette. Negli ultimi due anni un’altra decina di consiglieri sono poi risultati in pericolosi rapporti con boss della ’ndrangheta. Nicole Minetti, nominata in regione nel listino del Presidente, è invece processata per favoreggiamento della prostituzione, anche minorile. Il tutto mentre il Governatore Roberto Formigoni vedeva venir condannati, per una falsa testimonianza sul tesoro estero di Comunione e liberazione, due dei suoi migliori amici.

E subito dopo assisteva all’incarcerazione per lo scandalo dell’ospedale San Raffaele di Piero Daccò, un enigmatico faccendiere abituato a ospitarlo in barca. Nelle periferie più disagiate di Milano è difficile, se non impossibile, trovare un unico palazzo in cui un numero così elevato di inquilini possa vantare, in simili percentuali, tanti problemi con la legge. Più in centro, vicino alla Stazione Centrale, invece uno ce n’è: è il Pirellone. E allora conviene che gli elettori facciano un ragionamento. Concedere a tutti la presunzione d’innocenza è giusto. Ma continuare ad affidare la gestione della cosa pubblica a un ente come questa Regione, in cui la devianza criminale, in entrambi gli schieramenti, appare così diffusa, è da stupidi. Da qui al 2015 il Consiglio lombardo e la giunta dovranno partecipare alla gestione di oltre 10 miliardi di euro di soldi dei contribuenti destinati all’Expo. Un tesoro enorme per un avvenimento in cui è in gioco l’immagine dell’intero Paese. L’Italia, insomma, non si può permettere né di sbagliare né di rischiare. Accontentarsi delle spiegazioni di Formigoni (“sono casi personali”, oppure “pensate a Penati”) vuol dire accettare di prendere in considerazione il possibile disastro. L’unica soluzione è ridare la parola ai cittadini. Andare con velocità alle urne perché è chiaro a tutti che il Palazzo ha fondamenta marce e che tra qualche mese crollerà. E qui ormai si tratta solo di salvare il salvabile: qualche miliardo di euro e un minuscolo residuo di credibilità lombarda.

Tratto da:Il Fatto Quotidiano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa