Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Luglio '93: quando Ciampi temette un colpo di Stato

Opinioni

Luglio '93: quando Ciampi temette un colpo di Stato

ciampi carlo azelio c imagoeconomicadi Roberto Bertoni
Quella notte, nelle ore tragiche fra il 27 e il 28 luglio del ’93, l’allora presidente del Consiglio Ciampi temette un colpo di Stato. In villeggiatura a Santa Severa, l’ex governatore della Banca d’Italia, alla guida di uno dei vari governi della disperazione di quegli anni drammatici, in piena Tangentopoli e con la DC che due giorni prima, il 25 luglio, aveva di fatto chiuso i battenti, cercò di mettersi in contatto con Palazzo Chigi ma la linea cadde all’improvviso.
Erano i giorni delle bombe in via Palestro e presso le chiese di San Giovanni in Laterano e San Giorgio al Velabro, i giorni della trattativa Stato-mafia e della nascita di Forza Italia per iniziativa di Berlusconi ma, soprattutto, di Marcello Dell’Utri, condannato in via definitiva a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa; erano i giorni della rabbia popolare, dell’incertezza e dell’avvio di una nuova fase politica, il cui bilancio, venticinque anni dopo, può essere definito senza remore totalmente fallimentare.
Senza Ciampi e Scalfaro, sia detto con chiarezza, non ne saremmo venuti fuori. Senza due uomini delle istituzioni del loro livello, impregnati di quella cultura democratica e costituzionale di cui oggi siamo profondamente deficitari, la crisi ci avrebbe travolto. Non ci dimentichiamo, infatti, che erano trascorsi appena tre mesi dalla sera del Raphaël e delle monetine lanciate contro Bettino Craxi; e teniamo presente anche che solo un anno prima erano saltati in aria Falcone e Borsellino, nel falò di una Repubblica devastata dal malaffare e dalle tangenti e travolta da vicende epocali di carattere internazionale come la caduta del Muro di Berlino e la dissoluzione dell’Unione Sovietica.
Stava cambiando tutto, purtroppo in peggio, e anche se ancora c’era una qualche speranza, l’anti-politica e il risentimento popolare erano all’ordine del giorno, acuiti dall’inchiesta di Mani Pulite e dalle confessioni di personaggi illustri di cui erano state smascherate le trame e le collusioni.
Erano i giorni di suicidi strazianti come quelli del presidente dell’ENI, Gabriele Cagliari, e di Raul Gardini, dominus del capitalismo italiano a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta e al centro della madre di tutte le tangenti, riguardante Enimont, con conseguenze devastanti per la tenuta del sistema industriale italiano.
Tutto in una settimana, dal 20 al 27-28 luglio 1993, mezzo secolo dopo le vicende di un altro luglio decisivo per la nostra storia e il nostro futuro. La differenza fra le due estati sta nel fatto che nel ’43 si tornò a sperare e a credere in qualcosa, cinquant’anni dopo si smise di aver fiducia nella politica e nel prossimo e i risultati di quella catastrofe sono sotto gli occhi di tutti.
Venticinque anni e un’intera generazione cresciuta senza politica, al cospetto di un mondo impazzito e della progressiva dissoluzione del Paese.
Venticinque anni e il desiderio, da parte di alcuni di quei ragazzi, di riallacciare i fili strappati, sgomberare le macerie e ricostruire qualcosa di importante.
Venticinque anni e una nuova coscienza civica da incoraggiare e valorizzare. Perché non abbiamo il diritto di abbandonare sotto le nostre macerie le legittime aspirazioni di chi vuole comunque guardare avanti. Lo scrisse qualche anno fa lo stesso Ciampi e solo ora ci rendiamo conto di quanto avesse ragione.

P.S.
Sono trascorsi cinque anni dal rapimento, in Siria, di padre Paolo Dall’Oglio. Questo articolo, e gli altri che pubblicherò nei prossimi giorni, è dedicato a lui, affinché la comunità internazionale non smetta di cercarlo, nessuno si dimentichi della sua vicenda e possa, prima o poi, essere restituito all’affetto dei suoi cari. L’umanità intera ha bisogno di persone come lui.
(27 luglio 2018)

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa