Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Come facebook sta cambiando i rapporti umani

Opinioni

Come facebook sta cambiando i rapporti umani

facebookdi Salvo Vitale
Da qualche tempo i toni del confronto, particolarmente su facebook, si sono inaspriti trasformandosi in rigurgiti di intolleranza, offese, ingiurie, pretese di sapere tutto rispetto a chi la pensa diversamente, e che quindi è un ignorante o uno che non vuol capire. Si trova di tutto: c’è chi si alza la mattina, molti addirittura all’alba, per sentenziare, tirare la pietra per suscitare il dibattito, c’è chi passivamente aspetta quello che dicono gli altri per poterci sentenziare su, c’è addirittura chi non esprime la propria opinione per paura che non se lo mangino vivo. Ci sono invece tanti che sparano minchiate col botto senza alcun pudore, forti dell’anonimato o della mancanza di un contraddittorio immediato, altri che usano il mordi e fuggi, c’è chi scrive un’ora dopo il contrario di quello che aveva scritto prima, il tutto condito da apprezzamenti di cattivo gusto, da parolacce, da fanatismo, con toni da tifoseria di stadio. I pregiudizi si sprecano, le false notizie sono confezionate in modo così raffinato che molti ci cascano, dilaga la tipica abitudine di espungere una frase da un discorso, di partire da un particolare per costruirvi giudizi universali. Il fenomeno si è acuito con il nuovo governo e la nuova inedita maggioranza. Per i cinquestelle è giusto e sacrosanto tutto quello che viene detto dalla triade Grillo-Casaleggio-Di Maio, per i leghisti è vangelo quello che viene schizzato da Salvini, con accompagnamenti vari di Meloni, Libero e il Giornale, e quindi con la benedizione di Berlusconi che crede di fare il doppio gioco, da un lato la critica, dall’altro l’appoggio. Sulla scia del neo-salvinismo, che ha cambiato Prima il Nord in Prima gli Italiani, al sud, particolarmente nella Sicilia strappata alle regionali dalla destra ai pentastellati, sono nate schiere di fanatici leghisti, dimentichi di tutte le ingiurie rivolte al sud, ai suoi giovani, ai suoi lavoratori. Il lievito che ha fatto montare l’impasto è sempre lo stesso di tutte le destre, il nazionalismo, il muso duro contro i migranti, l’antieuropeismo, i moralismi demodes antigay, antirom, anticomunismo, antiaborto, antitasse, antivaccino ecc. conditi da richiamo alla necessità di maggiore sicurezza, meglio garantita dal possesso di un’arma. Un micidiale coagulo di elementi dai quali il passo verso i forme di neofascismo diventa breve e auspicato, cioè accettato senza forma alcuna di rigetto. E’ questa l’Italia che sta emergendo, dopo il naufragio dei partiti tradizionali, incapaci di avere capito che erano necessarie alcune inversioni di rotta per sopravvivere. E così la nuova casta ha davanti praterie per sputtanare le vecchie classi politiche, addossando loro tutti i mali del mondo e illudendosi di poter risolvere con qualche illusione i drammatici problemi derivanti dalla crisi economica ancora galoppante. Davanti all’Italia che non c’è più, i nostalgici di un passato benessere venuto meno per cause ben lontane, cercano capri espiatori su cui rovesciare tutto, siano essi Napolitano, Monti, Fornero, Renzi, Gentiloni e parlano di riforme che in realtà sono controriforme impossibili, eccetto quelle a costo zero. E mi fermo, perché nel momento in cui sto scrivendo queste osservazioni, c’è in agguato il solito “sapiente” che, forte della sua imbecillità, pretende di prendere la sua matita rossa per censurarmi e illudersi di avere dato una lezione a un professore. E attenzione, non ce l’ho con internet, che ha il merito grandissimo di avere rimesso in circolo la lettura e la scrittura, sia pure con tutti gli errori e orrori, il rapporto interpersonale, ahimè privo di quello scambio immediato dato dalla presenza reale, nonché la risposta all’atavica condizione del subire in silenzio. Ce l’ho con chi crede che la sua ignoranza sia l’unico sapere possibile dietro cui nascondersi.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa