Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Minacce a Di Matteo, nuova lettera anonima: "Ti spiano"

Mafie News

Minacce a Di Matteo, nuova lettera anonima: "Ti spiano"

di-matteo-nino2di Aaron Pettinari - 27 maggio 2013
Oggi è il giorno della prima udienza del processo sulla trattativa Stato-mafia. Alla sbarra, tutti insieme, ci sono mafiosi, politici e uomini delle istituzioni. La procura di Palermo è in fibrillazione però per la notizia di una nuova lettera anonima inviata al sostituto procuratore Nino Di Matteo. La missiva è all'esame dei magistrati di Caltanissetta che già stanno indagando sul contenuto del primo documento, denominato “protocollo fantasma” inviato al pm palermitano lo scorso settembre. Allora l'anonimo metteva in guardia i magistrati avvertendoli di essere spiati da “uomini delle Istituzioni” che “canalizzano le informazioni che riescono ad avere”. Quindi forniva anche indicazioni su altre prove del patto Stato-mafia (“Ci sono catacombe all’interno dello Stato sepolte e ricoperte di cemento armato, ma alcune verità si possono ancora trovare”) con un elenco di luoghi, nomi di politici mai indagati fino ad ora.

Nella nuova lettera, di cui oggi parla il quotidiano La Repubblica, l'anonimo (che fa intendere di essere un sottufficiale dei carabinieri ndr) torna a mettere in guardia: “Il nemico ti spia, come e quando vuole. Attenzione a quando parli, alle auto su cui viaggi, al telefono cellulare. E come se avessi vicino a te una microspia”. E poi aggiunge: “Navighi su un’antica giunca a vela, insieme a persone sbagliate, e affinché tu non finisca in un quasar ti offro altre informazioni”. Il riferimento ai quasar (gli oggetti più luminosi dell'universo che si caratterizzano anche per brusche fiammate) ha contribuito ad aumentare la fibrillazione interna anche se il tono usato nella missiva non sembra minaccioso anzi, sembrerebbe che vi siano nuove indicazioni per le indagini, come quelle che hanno permesso di recuperare la borsa del generale dalla Chiesa, ritrovata vuota nei sotterranei del tribunale. Vi sarebbe anche un riferimento all'arresto di Riina, avvenuto il 15 gennaio del '93: “Chi ci offre la certezza che Riina sia stato arrestato fuori la sua abitazione?”.
L'inchiesta, coordinata dal procuratore di Caltanissetta Sergio Lari e dal suo aggiunto Domenico Gozzo, riunisce più episodi. Oltre alle missive si cerca di capire chi ha manomesso il modem presente nell'ufficio del pm Lia Sava in cui era stata ritrovata traccia d'installazione di una microspia, e ancora sulle telefonate di minaccia ricevute da pm Roberto Tartaglia e sulla manomissione della cassetta elettrica nella casa di Nino Di Matteo. Fatti che si aggiungono alla informazioni fornite da un'altra lettera di minacce in cui sempre un anonimo, che dice di essere uno dei membri del commando di morte, mette in guardia ancora Di Matteo: “Amici romani di Matteo (Messina Denaro, ndr) hanno deciso di eliminare il pm Nino Di Matteo in questo momento di confusione istituzionale, per fermare questa deriva di ingovernabilità. Cosa Nostra ha dato il suo assenso, ma io non sono d’accordo”. In questa missiva venivano fornite una serie di notizie riservate e dettagliate sugli spostamenti quotidiani (e sui punti deboli della protezione) del pm.

ARTICOLI CORRELATI

Di Matteo nel mirino, nuove minacce di morte contro il pm della trattativa

Trattativa Stato-mafia: “Spiati i pm di Palermo”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa