Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Alla ricerca della verità in un mare di bugie

Mafie News

Alla ricerca della verità in un mare di bugie

Foto e Video
di AMDuemila

Presentati a Trappeto “Quel terribile '92”, “Il Vurricatore”, “Il bandito della guerra fredda” e “Crimini al microscopio”

Quattro libri per fare memoria ma anche cercare di annodare quel filo rosso che unisce le stragi che si sono sviluppate sin dall’inizio della storia repubblicana italiana. Settant’anni sono trascorsi da Portella della Ginestra, venticinque dalle stragi siciliane di Capaci e via d’Amelio. Avvenimenti che hanno come comun denominatore la presenza di depistaggi ed una verità che, nonostante il tempo trascorso, non è ancora completa.


Per cercare di comprendere il cammino faticoso che si manifesta per il raggiungimento di quest’ultima, nella splendida cornice del lungomare di Trappeto, giovedì scorso si è tenuta la presentazione, organizzata dal Siap, di quattro libri: "Il bandito della guerra fredda" (ed. Imprimatur) di Pietro Orsatti, giornalista e scrittore per ricostruire la storia di Salvatore Giuliano e di Portella della Ginestra; "Crimini al microscopio" (Dario Flaccovio editore) di Paola Di Simone, funzionario della Polizia Scientifica di Palermo. Biologa e Specialista in Genetica Medica per comprendere la differenza tra la condotta degli investigatori delle serie Tv e la realtà del lavoro scientifico; "Il vurricatore" (ed. Leima) di I.M.D., poliziotto e scrittore, autore delle più importanti catture di latitanti, una storia ispirata alla realtà di un giovane siciliano che, entrato a far parte di Cosa nostra, diventa il "vurricatore", ossia il "seppellitore”; ed infine "Quel terribile 92" (ed. Imprimatur) di Aaron Pettinari, giornalista e capo redattore di ANTIMAFIADuemila, in cui, tramite 25 voci di “non addetti ai lavori” si cerca di raccontare il 1992, un anno che resterà per sempre impresso tra le pagine più tragicamente importanti della storia recente del nostro Paese. All’incontro, oltre agli autori, ha partecipato anche Salvatore Borsellino, fratello del giudice ucciso il 19 luglio 1992, che ha fatto il punto della situazione, a venticinque anni di distanza.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...


LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca