Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: ''Così i clan avevano messo in piedi un sistema per corrompere i giudici''

Mafie News

'Ndrangheta: ''Così i clan avevano messo in piedi un sistema per corrompere i giudici''

di AMDuemila
Le rivelazioni scioccanti del pentito Andrea Mantella sul circuito di mazzette delle famiglie vibonesi per “addolcire le sentenze”
Ora nei guai lo stesso pentito, rinviato a giudizio insieme agli avvocati coinvolti nell'inchiesta sulle presunte false perizie realizzate per consentirgli di uscire dal carcere

"Praticamente si impegna una persona distinta, un professionista distinto che si mette a disposizione attraverso diciamo grosse somme di denaro e tocca solo a quell'avvocato, a quel funzionario di mettere a posto quello che si potrebbe mettere a posto". Era questa la “pratica” con il quale i clan, in particolare i Grande Aracri di Cutro e i Giampà di Lamezia Terme, avrebbero corrotto a suon di mazzette alcuni giudici per ottenere sconti di pena e altri favori giudiziari. A svelare la vicenda nei dettagli, come ha riportato il Corriere della Calabria, è un “pezzo grosso” dei clan di Vibo Valentia, Andrea Mantella (oggi collaboratore di giustizia), ex ’ndranghetista “trequartino” ed ex killer dei Lo Bianco. Mantella è stato sentito nell'ambito di sette diversi fascicoli, compreso quello che ha dato luogo all'operazione "Genesi" della procura di Salerno sul sistema di corruzione nel quale erano finiti avvocati, politici e giudici, tra i quali l’ex presidente di sezione della Corte d'Assise di Catanzaro Marco Petrini, che avrebbe accettato, a detta di Mantella, "soldi cash, auto a noleggio, soggiorni turistici e orologi". Il sistema era stato collaudato a tal punto che i Grande Aracri "erano tranquillissimi che la cosa sarebbe andata a buon fine... è come se fosse che già avevano scritta l'assoluzione in mano”, ha sottolineato il pentito.
Mantella, sul punto, ha riferito ai pm anche del suo tentativo di lasciare la casa di cura dove stava scontando la pena sostenendo di aver consegnato al suo avvocato 70mila euro per corrompere i giudici. Sempre sul tema Mantella ha spiegato ancora il circuito di corruzione adottato: "Addolcire significa che praticamente... di fargli cambiare praticamente un'opinione negativa per il tuo cliente, ecco, allora praticamente cerchi di addolcirla in qualche maniera. La tattica, il sistema è questo: qualche Cartier, qualche Rolex e alla fine... un po' di pazienza e ce la fai a uscire dal carcere. Tutti i miei episodi sono stati denaro in contanti". Mantella nel corso degli interrogatori ha fatto presente di essere imparentato con il clan Giampà di Lamezia Terme. “Ero il cognato di Pasquale Giampà, alias "buccaccio", quello che è stato ucciso”, ha detto a verbale coi magistrati di Salerno titolari dell'inchiesta "Genesi”. I pm, come riporta il Corriere della Calabria, gli hanno chiesto dei collegamenti tra Pasquale Giampà, detto "tranganiello", e i magistrati. "Tranganiello praticamente era un massone, aveva entrature nella massoneria", e avrebbe avuto un "socio, non lo so se era un socio occulto", che lavorava in magistratura, ha spiegato il pentito. Un rapporto, presunto, che Mantella avrebbe sfruttato per attenuare la sua pena in un processo. "Mio cognato Antonio Franzé - ha dichiarato - mi ha detto praticamente nel carcere di Siano quando io facevo il colloquio, mi ha detto ‘stai tranquillo che abbiamo speso un patrimonio’...”. In questo caso, stando a quanto ha sostenuto Mantella, in un processo per tentato omicidio in concorso, l'avvocato che avrebbe fatto da intermediario gli avrebbe riportato la proposta di un giudice: "O 24 anni al complice e Mantella lo facciamo uscire per un concorso in tentato omicidio, una cavolata, oppure 12 anni ciascuno". Il tutto sempre in cambio di denaro.

A giudizio gli avvocati

Nel frattempo in queste ore, come si apprende sul sito di lacnews24, gli avvocati di Andrea Mantella, Salvatore Staiano e Giuseppe Di Renzo e il collaboratore di giustizia stesso sono stati rinviati a giudizio dal gup del Tribunale di Catanzaro. Insieme a loro sono imputati altri 6 tra avvocati e medici: Silvana Albani, Luigi Arturo Ambrosio, Domenico Buccomino, Massimiliano Cardamone, Francesco Lo Bianco e Antonio Falbo. I nove sarebbero coinvolti proprio nell'inchiesta sulle presunte false perizie realizzate per consentire a Mantella di lasciare il carcere per essere ricoverato nella clinica Villa Verde di Donnici. I capi d'imputazione sono diversi e nello specifico i reati contestati con l'aggravante mafiosa sono false dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’autorità giudiziaria, falsa perizia o interpretazione, falsa attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale sulle identità e qualità personali proprie o di altri, favoreggiamento personale in concorso, corruzione. In particolare, per quanto riguarda i legali del pentito, Salvatore Staiano è accusato di corruzione in atti giudiziari mentre l’altro legale del pentito, Giuseppe Di Rienzo dovrà rispondere di falso e favoreggiamento. Nell'inchiesta risultano coinvolti anche altri 4 imputati che hanno scelto un rito alternativo a quello ordinario. Si tratta della compagna di Andrea Manella, Santina La Grotteria, il medico legale Mauro Notarangelo, Massimo Rizzo, medico e consulente tecnico della difesa e Antonella Scalise, anche lei consulente tecnico della difesa.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Inchiesta ''Genesi'': il magistrato Petrini parla con la procura di Salerno

Inchiesta ''Genesi'': favori in cambio di sentenze pilotate, indagato confessa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa