Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Stato-mafia, Graviano resta in silenzio

Processo trattativa Stato-Mafia

Stato-mafia, Graviano resta in silenzio

graviano mano udienza 610di Aaron Pettinari - Audio integrale
Il boss di Brancaccio si avvale della facoltà di non rispondere. È indagato per la trattativa

“Mi avvalgo della facoltà di non rispondere”. L'esame di Giuseppe Graviano, collegato in videoconferenza dal carcere di Terni, dura lo spazio di pochi minuti. Stavolta da parte del boss di Brancaccio non ci sono proclami, né messaggi sibillini o mezze aperture sulla possibilità di essere chiamato in un successivo momento. Il capomafia, indagato per il reato di attentato o minaccia a corpo politico dello Stato, non vuole spiegare il perché di quelle dichiarazioni rilasciate durante il passeggio con il detenuto Umberto Adinolfi, appena un anno fa. Il presidente Montalto, in apertura di udienza si rivolge a lui direttamente: “Lei sa che sono state fatte delle intercettazioni con i suoi colloqui in carcere con Umberto Adinoflie questo è uno dei motivi per cui è stato chiamato in questo processo. Una chiamata che lei si aspettava e, sono parole sue, lei dice si aspettava di essere chiamato per 'colpire in qualsiasi maniera, senza nessuna remissione'. Non sappiamo cosa intendesse con queste parole e oggi glielo vorremmo chiedere”. Il capomafia, però, sceglie la via del silenzio. Del resto lo aveva detto al suo stesso compagno d'ora d'aria il 23 gennaio 2016. Alla domanda di Adinolfi sulla possibilità di “testimoniare al processo della trattativa” Graviano rispondeva in modo fermo: “No. Quello ancora non c'è stato. No ma lì non rispondo perché ci sono i politici e mi avvalgo della facoltà di non rispondere”. Detto, fatto, senza nulla aggiungere. Da buon capomafia. Perché fino ad oggi un “pentimento in aula” non si era mai visto e qualora avesse deciso di rispondere alle domande dei pm avrebbe dovuto anche spiegare quale cortesia gli sarebbe stata chiesta da “Berlusca” o chi fosse “la montagna” a cui fa riferimento mentre parlava della stagione degli attentati (“Non volevano più le stragi... la montagna mi diceva, no… è troppo”).

graviano udienza trattativa

E avrebbe anche dovuto raccontare la verità sul concepimento del figlio. Alla sua “dama di compagnia” aveva riferito che la moglie era stata fatta entrare in carcere ed aveva dormito con lui mentre in un colloquio in carcere con la donna, in data 23 aprile 2016, “Madre Natura” (così è soprannominato il capomafia di Brancaccio) racconta alla moglie della visita in carcere della Commissione europea contro le torture che gli chiesero chiarimenti proprio sul concepimento del figlio (la donna era rimasta incinta mentre il marito era detenuto al 41 bis). E il boss disse ai familiari: “Ho detto loro che il mio rapporto sessuale risaliva a quando ero ancora latitante: di certo non potevo dirgli la verità”. Una verità che è rimasta taciuta anche oggi assieme alle altre che solo lui dice di possedere (sulla strage di via d'Amelio “La verità la so solo io”). “Graviano ha il diritto di decidere a quali domande rispondere o se non rispondere affatto” commenta il sostituto procuratore Vittorio Teresi a fine udienza. Restano quelle dichiarazioni registrate ed è ovvio che ogni sua parola va valutata con assoluta attenzione. La Corte avrà modo di valutarle visto che 21 trascrizioni sono state acquisite al processo. Intanto il dibattimento (oggi era la duecentesima udienza) riprenderà il prossimo 26 ottobre.

ARTICOLI CORRELATI

Processo Trattativa, ''Berlusca'' nelle parole di Giuseppe Graviano

Stato-mafia: Berlusconi dietro le stragi del '93?

Graviano, la latitanza, Falcone e il “41 bis”

Graviano, Berlusconi, il 41bis e quel passato che ritorna

Intercettazioni Graviano. Silvio grida al complotto: ''Spazzatura per screditarmi a due giorni dalle elezioni''


Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa