Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Inchieste
Editore: Chiarelettere
Pagine: 914
Prezzo: € 19,60
ISBN: 9788861900028
Anno: 2007

Visite: 1693

Recensione

Quindici anni dopo il biennio magico di ManiPulite, l'Italia delle mani sporche ha perfezionato i metodi per rendersi più invisibile e invulnerabile. Prima sotto accusa erano ipolitici e il mondo industriale. Ora le parti sembrano invertite: sottoaccusa sono soprattutto i magistrati. Ecco che cosa è successo negliultimi anni, dal 2001 al 2007. Dal governo del cavalier Berlusconi edell'ingegner Castelli a quello del professor Prodi e del ras diCeppaloni, Mastella. La musica non cambia: è tutta colpa deimagistrati. Quei pochi che resistono, combattono da soli, spessoabbandonati dallo stesso Csm, vessati dalla stampa, criticati dallealtre istituzioni. Le leggi vergogna varate da Berlusconi dovevanoessere subito smantellate dal centro sinistra. Invece sono ancora invigore. A quelle se ne sono aggiunte altre come l'indulto per svuotarele carceri (di nuovo piene), le intercettazioni e il bavaglio allastampa, l'ordinamento giudiziario Mastella: tutto in barba allepromesse elettorali dell'Unione. Prima era necessario corrompere, ora isoldi i partiti se li danno da soli, il controllato e il controlloresono sempre la stessa persona.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy