Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Cultura
Editore: Chiarelettere
Pagine: 140
Prezzo: € 13.00
ISBN: 9788861900172
Anno: 2007

Visite: 2762

Recensione

Lentamente. Da Lavarone a Vetralla.
Attraverso strade, paesi, bar, gente e dialetti, Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro raccontano un'Italia a bassa velocità.
Tutte le volte che abbiamo incontrato qualcuno sulla nostra strada le domande hanno cominciato a piovere. La prima, inevitabile come le tasse, era la domanda base, quella fondamentale, la madre di tutte le domande , quella che facevano tutti, dal ciclista allo sborone da bar: perché?
La domanda più semplice ma alla fine più imbarazzante.
Che rispondere? Boh.
Potevamo buttarla sullo sportivo (fa bene muoversi).
Potevamo azzardarci sul filosofico (i sapienti greci divulgavano la loro scienza camminando).
Potevamo provare la via spirituale (c'è bisogno a volte nella vita di isolarsi, meditare).
Ed era praticabile la strada religiosa (eravamo attratti dalla mistica del pellegrinaggio).
E infine il letterario : Stendhal, Goethe, Kerouac.
Alla fine abbiamo scelto due tipi di risposta. La prima, un po' dada, un po' situazionista, ammesso che tutto ciò che sto scrivendo abbia un senso, “ Perché no?
” E la faccenda finiva lì, davanti allo sguardo sbigottito dell'interlocutore che non si aspettava che all'impresa imbecille corrispondesse una motivazione imbecille. La seconda risposta era più articolata: a giugno non avevamo un cazzo da fare.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy