Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

A causa dell'assenza di un giudice per un altro impegno è slittata dal 15 al 19 luglio la sentenza del processo d'appello su una presunta locale di 'Ndrangheta ad Aosta per gli 11 imputati che avevano scelto il rito abbreviato, tutti condannati in primo grado. In quella data gli stessi imputati avranno anche la possibilità di rendere spontanee dichiarazioni. Lunedì 19 luglio, sempre a Torino, è attesa anche la sentenza di secondo grado per gli altri cinque imputati che avevano scelto il rito ordinario ed erano stati condannati dal tribunale di Aosta. La procura generale ha chiesto la conferma delle condanne a dieci anni di reclusione per l'ex consigliere regionale Marco Sorbara e per l'ex consigliera comunale di Saint-Pierre Monica Carcea, a 11 anni per Alessandro Giachino, dipendente del Casinò di Saint-Vincent e per l'ex consigliere comunale di Aosta Nicola Prettico; per il ristoratore Antonio Raso la richiesta è aumentata di sei mesi rispetto alla condanna di primo grado, portandola a 13 anni e sei mesi. Tranne che per l'avvocato Carlo Maria Romeo (chiesti sette anni e sei mesi di reclusione), anche nel processo con rito abbreviato la procura generale ha proposto la conferma delle condanne inflitte in primo grado: Giacomo Albanini (un anno e quattro mesi), Roberto Bonarelli (un anno e sei mesi), Marco Fabrizio Di Donato (nove anni), Roberto Alex Di Donato (cinque anni e quattro mesi), Roberto Fabiani (tre anni), Salvatore Filice (due anni e quattro mesi), Francesco Mammoliti (cinque anni e quattro mesi), Bruno Nirta (12 anni e otto mesi), Rocco Rodi (un anno e quattro mesi), Bruno Trunfio (quattro anni). Sono parti civili l'associazione Libera, la Regione Valle d'Aosta e i comuni di Saint-Pierre e Aosta. L'inchiesta 'Geenna' della Dda di Torino è stata condotta dai carabinieri del Ros e del Reparto operativo di Aosta.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy