Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Purtroppo, anche se non voluto o non ben meditato, è un altro segnale di cedimento dello Stato alle nefaste richieste della mafia della 'trattativa Stato-mafia' del 1992-1993". E' quanto afferma l'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili in merito alla sentenza della Corte costituzionale che "ha abolito il cosiddetto 'ergastolo ostativo' anche per i mafiosi stragisti". In una nota firmata dal presidente Luigi Dainelli l'associazione "comunica la propria motivata critica e la propria grande preoccupazione" per la decisione della Consulta e "ribadisce con forza che non si può abolire l'ergastolo ostativo ai membri di una efferata associazione criminale, che non solo ha commesso le stragi al tritolo del 1992-1993 contro innocenti; ma che è tuttora viva e operante e per di più senza che i condannati per strage abbiano mai pubblicamente mostrato alcun segno di collaborazione o almeno di dichiarata dissociazione dalla mafia".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy