Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Che la transizione ecologica passi per il nucleare non è un mistero. Sono sempre di più i paesi disposti a puntare su questo tipo di tecnologia per sopperire alla crisi energetica causata dalla demonizzazione del diossido di carbonio. Non fa eccezione il Governo degli Stati Uniti, che darà quasi 2 miliardi di dollari a una società di Bill Gates per costruire una centrale nucleare in Wyoming.

Il sussidio coprirà circa la metà delle spese che dovrà sostenere TerraPower, azienda fondata dall’ex amministratore delegato di Microsoft, oggi riconvertito a zar dei vaccini e filantropo di fama mondiale. La società costruirà un reattore nucleare capace di fornire elettricità a 400.000 abitazioni. Un progetto resosi necessario per sopperire allo smantellamento di una centrale a carbone che dovrebbe chiudere i battenti nel 2025.

Ancora una volta, quindi, Gates dimostra di essere in perfetta sintonia con le tendenze globali in campo tecnologico. Che siano vaccini o energia nucleare, poco importa. Se c’è da trainare un cambiamento, il fondatore di Microsoft è sempre in prima linea, se non addirittura un passo più avanti, come ha già ampiamente dimostrato con le sue profezie pandemiche puntualmente avveratesi.

Tratto da: casadelsole.tv

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy