Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.



Si chiama “par-tu-ri-ent” il programma che prevede la nascita e cura del feto all’interno di un simil-utero tecnologico dotato di ogni comfort, compreso il microfono per interagire con il feto. Finanziato anche dall’Unione europea, il prototipo avvolgerà il bambino in un liquido e gli fornirà ossigeno e nutrimento tramite una placenta artificiale che sarà collegata al loro cordone ombelicale, ricreando l’esperienza di essere nel ventre materno, battito del cuore incluso. Se a giustificare lo studio c’è la preoccupazione per le nascite premature dei bambini, numerosi medici e ricercatori denunciano apertamente l’utilizzo di uteri artificiali al fine di permettere ai genitori di seguire la routine della vita quotidiana e lavorativa, senza “distrarsi” dalla nascita del bambino. Commenta la notizia Enrica Perucchietti.

Tratto da: casadelsole.tv

Ti potrebbe interessare...

TgSole24 - Non si torna indietro

TgSole24 - Scontro frontale

TgSole24 - Dalle fiabe alla catastrofe

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy