Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Ministro Minniti, le ronde vanno messe fuori legge

Ministro Minniti, le ronde vanno messe fuori legge

minniti marco 1 c ansadi Saverio Lodato
Le Ronde vanno proibite per legge. Le Ronde vanno sciolte. E i componenti delle Ronde devono essere tempestivamente individuati dalle forze di polizia. Stiamo parlando delle Ronde di ogni colore, di ogni ispirazione politica, razziste o anti razziste che siano, parafasciste o paraantifasciste che siano.
È al ministro degli interni Marco Minniti che rivolgiamo questo modestissimo suggerimento, all'indomani di episodi di gravissima violenza, da Macerata a Palermo a Perugia, che preoccupano e impauriscono l'opinione pubblica a pochi giorni dal voto.
Non sappiamo se per mettere al bando le ronde è sufficiente una circolare di polizia, come usava un tempo, o una legge apposita.
Ma la questione, a nostro avviso, non è più rinviabile.
È inaccettabile che in un paese democratico, dove, a tenersi stretti, operano non una, ma tre forze di polizia, sia bonariamente riconosciuto ai cittadini l'insindacabile diritto di costituirsi in Ronda, o in Branco a seconda dei punti di vista, per raddrizzare i torti che ci sono nella nostra società.
È inaudito che Cavalieri di ventura - per carità: mossi, secondo loro, dalle migliori intenzioni di questo mondo - possano scorrazzare nei territori delle città italiane con la motivazione che lo fanno "in difesa dell'ordine pubblico".
Non è compito loro. Nessuno ha dato, o può dar loro, una simile patente.
Persino nei villaggi del Far West di Sceriffo con la stella ce n'era uno solo.
Si dirà: ma che fastidio danno questi giovani che vanno a passeggio, di giorno e di notte, per parchi e stazioni, a bordo di treni, autobus e metropolitane, a tenere d'occhio l'immigrato che si comporta male, lo scippatore pronto a entrare in azione, le bande di zingari pericolose come le cavallette?
Le Ronde non solo danno fastidio al cittadino comune, sono anche potenzialmente pericolose muovendosi in un'area che diventa grigia non appena il cittadino avverte l'assenza delle Divise - quelle vere - preposte al mantenimento dell'ordine pubblico.
Se c'è - eccome se c'è - un problema di rafforzamento dei presidi di sicurezza, è in quella direzione che bisogna agire. Non liberalizzando un inquietante "fai da te" che non fa altro che complicare le cose, infuocare gli animi di opposti schieramenti, innescando spesso spirali ben peggiori di quelle che teoricamente si volevano evitare.
Tutto ciò non ha nulla a che vedere con il diritto di ciascuno a manifestare liberamente, pacificamente, e civilmente il proprio pensiero.
Infatti, proprio qui, una settimana fa, avevamo evidenziato quanto ci apparisse balorda la decisione presa a Palermo da Forza Nuova di presidiare i bus cittadini per "tranquillizzare gli autisti", e altrettanto balorda quella di Potere al Popolo, di analoghi presidi per "tranquillizzare i passeggeri".
Quanto poi è accaduto a Palermo, con il pestaggio del militante di Forza Nuova, e a Perugia, con l'accoltellamento del militante di Potere al Popolo, dimostra che le Ronde tutto sono tranne che portatrici di ordine e di pace.
Ecco perché, tanto per cominciare da qualche parte a far pulizia, sarebbe bene che le Ronde fossero sciolte per legge.

Foto © Ansa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa