Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Virginia Raggi e il fascismo con le scarpe strette

Virginia Raggi e il fascismo con le scarpe strette

raggi boschi ppMeglio morire per Danzica che morire per la Boschi
di Saverio Lodato
Il fascismo in Italia non è alle porte e non siamo alla vigilia di una guerra civile.
I dodici mascherati che hanno dato vita a una processione da Corpus Domini sotto i balconi di Repubblica a Roma, gli scotennati di Como che hanno tolto e restituito la parola a gente pacifica che partecipava a una riunione in cui si parlava di solidarietà, la testata di una testa vuota a un giornalista che faceva il suo lavoro, il manipolo di Casa Pound che a Roma soffia sul fuoco degli abusivi, impugnando la bandiera del diritto alla casa di chi la casa non ce l’ha, sono - con tutta evidenza - un problema di ordine pubblico. E come tale va affrontato.
Ma rappresentano anche, come lo abbiamo definito qui, "il fascismo in pantofole". E dalle pantofole agli "scarponi chiodati", il passo può essere terribilmente breve.
Le due affermazioni appaiono a prima vista contraddittorie. Ma così non è. E cercheremo di spiegare perché.
Nelle ultime ore, alcune notizie sono confortanti e lasciano sperare che qualcosa finalmente si muova.
Le forze di polizia stanno individuando e denunciando i provocatori - una volta venivano chiamati così - delle due mascherate, in simil camicia nera, che hanno provocato sgomento fra gli spettatori dei Tg italiani.
Si dirà che non ci voleva molto, ma almeno si sta facendo.
L’energumeno che si è accanito a testate e manganellate sul giornalista che gli rivolgeva le domande, resta al fresco, almeno per ora, con la pesante accusa di violenza con l’aggravante mafiosa.
Intendiamoci: il problema rimane.
Sacche di neofascismo tendono a rigurgitare in diverse pieghe della società italiana; si abbassa l’asticella della tolleranza e dell’uso della ragione; Matteo Salvini e Giorgia Meloni, dal momento che in campagna elettorale non si butta via niente, lisciano il pelo al gatto, nella speranza di raccattare qualche voto in più.
Ma se lo Stato fa la sua parte, con l’uso delle leggi che già ci sono, si può quantomeno sperare che il micidiale mix di imbecillità e revanscismo fascista di seconda mano, di cui molti stanno facendo sfoggio in Italia negli ultimi mesi, sia contenuto in limiti accettabili.
In altre parole, se non vogliamo che il fascismo passi dalle pantofole agli scarponi chiodati, dobbiamo fare in modo che almeno si senta le scarpe strette.
Uno Stato antifascista dovrebbe servire innanzitutto a questo.
Ho lasciato per ultima, pur appartenendo allo stesso gruppo di episodi, la questione di Casa Pound e degli abusivi Roma.
L’atra sera, Virginia Raggi, sindaco 5 Stelle della Capitale, ospite a "Piazza Pulita", ha pacatamente spiegato come sia finalmente iniziata la mappatura delle proprietà edilizie del Comune, un censimento che, per decenni e decenni, nessun sindaco né amministrazione comunale aveva neanche intrapreso.
E’ emerso un panorama desolante e scandaloso: con persone milionarie che sono proprietarie abusive delle case del Comune, al quale hanno versato per anni e anni canoni di locazione assolutamente irrisori. Ed è all’ombra di costoro che i giovanotti di Casa Pound, in nome e per conto dei senza tetto, e a favore di telecamere, "amministravano giustizia" nella speranza - per fortuna fallita - di andare a governare Ostia.
C’è da dire che gli affiliati di "Casa Pound" - dopo quanto è stato denunciato dalla Raggi a "Piazza Pulita" - forse farebbero bene ad andare alla ricerca di altri pascoli per "amministrare giustizia" in nome dei derelitti. Vedremo come andrà a finire.
Ma rimangono tante domande.
Di che si occupavano i sindaci di Roma, prima della Raggi, se non conoscevano neanche le proprietà del Comune da loro stessi rappresentato?
Come affrontavano l’emergenza abitativa?
Come è stato possibile non accorgersi degli interessi illeciti che proliferavano alle spalle dei poveri senza casa, iscritti da anni in graduatoria e che non ottenevano mai risposta?
E di cosa si occupava il PD romano, che oggi si dispera per l’avanzata dei 5 Stelle?
Matteo Orfini, presidente del Pd, appare quotidianamente in tv per parlare di Elena Boschi, e di quanto fu immacolato il suo comportamento nella storia di Banca Etruria. Non sappiamo se lo pensa davvero. Sappiamo, per certo, che non può farne a meno.
Ma sino a prova contraria Orfini, sino a tre mesi fa, e sin da quando esplose lo scandalo di "Mafia Capitale", è stato "commissario" del Pd romano. Non ha nulla da dire sulle magagne che i 5 Stelle stanno scoprendo al Comune di Roma?
E quale ratio lo ha spinto, qualche settimana fa, a disertare sdegnato la manifestazione indetta a Ostia dai 5 Stelle, contro le mafie e il clan Spada, mentre oggi parte lancia in resta per analoga manifestazione del Pd a Como?
Una risposta, sia pur parziale, ce l’abbiamo.
Il Pd si è inesorabilmente incartato nell'"affaire bancario", che con ogni probabilità sarà la sua spada di Damocle sino all’ultimo giorno di campagna elettorale. E non sa come uscirne.
Piccolissimo suggerimento a Matteo Renzi, e al cerchio di fedelissimi che gli si affolla intorno, Orfini incluso: non sarebbe meglio morire per Danzica (cioè: per qualche ideale), piuttosto che morire per la Boschi?
E’ risaputo infatti che la dignità, nella sconfitta, non te la regala nessuno.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa