Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: Cantone, vendita beni confiscati non sia tabu'

Rassegna Stampa

Mafia: Cantone, vendita beni confiscati non sia tabu'

cantone raffaeleSì a uso sociale, ma anche a impiego economico
Palermo. "L'utilizzo dei beni confiscati è di per sé un'azione di contrasto alle mafie, non si deve avere paura di disfarsi dei beni sottratti alle cosche che non sono realmente utili, di venderne qualcuno e utilizzarli sì in una logica sociale ma che sia anche di tipo economico. Credo sia una grande idea quella di affidare i beni alle cooperative come accaduto nella mia regione, per creare occasioni di lavoro. I beni confiscati devono essere un'occasione e non un'ulteriore ragione di spesa per le istituzioni". Lo ha detto il presidente dell'Anac, Raffaele Cantone, a margine del convegno "Contro le mafie: a che punto siamo?" in corso nell'aula magna di Giurisprudenza dell'università di Palermo. In sala sono presenti, tra gli altri, il ministro dell'Interno, Marco Minniti, e il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, il rettore Fabrizio Micari, il sindaco, Leoluca Orlando. Cantone ha poi giudicato "molto positive alcune indicazioni del codice antimafia su un nuovo cambiamento di mentalità nell'utilizzo dei beni confiscati - ha detto - spero in approvazione veloce ma ci son cose da correggere e mi auguro si faccia presto”.

ANSA


Corruzione: Cantone, male serio che va a braccetto con mafia

Palermo. "Corruzione e mafia vanno a braccetto, la corruzione è un male serio, radicato, ma c'è un risveglio delle coscienze che è la prova della reazione. Bisogna mettere in campo tutti gli strumenti. Purtroppo dopo Tangentopoli abbiamo ritenuto che molti problemi fossero superati e invece non era così". Lo ha detto il presidente dell'Anac, Raffaele Cantone, a margine del convegno "Contro le mafie: a che punto siamo?" in corso nell'aula magna di Giurisprudenza dell'università di Palermo. In sala sono presenti, tra gli altri, il ministro dell'Interno, Marco Minniti, e il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, il rettore Fabrizio Micari, il sindaco, Leoluca Orlando. "Oggi sono molti gli strumenti di prevenzione, però appena si abbassa la guardia si ritorna punto e a capo - ha aggiunto Cantone - ci sono una serie di strumenti, ma il problema è tenere in vita un'azione di contrasto. In Sicilia l'Anac ha fatto diverse indagini, ad esempio sul settore della sanità o su quello dei rifiuti, ma va detto che la regione, almeno dal punto di vista normativo ha fatto dei passi avanti".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

IL RITORNO DEL PRINCIPE

IL RITORNO DEL PRINCIPE

by Saverio Lodato, Roberto Scarpinato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO

L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Questo non è soltanto un libro su un’agenda...

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...


PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta