Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano I sistemi criminali mondiali

I sistemi criminali mondiali

di Karim El Sadi e Davide de Bari - Fotogallery
La Tv Nacional Argentina, America 24, intervista Giorgio Bongiovanni

"Credo, basandomi su fatti, che grandi nazioni mondiali usano la criminalità organizzata, tramite i servizi segreti, per i lavori sporchi”. E' con queste parole che il direttore di ANTIMAFIADuemila, Giorgio Bongiovanni ha parlato, in un'intervista al programma argentino GPS di Canale América 24 condotto dal giornalista Rolando Graña, della realtà delle mafie e della loro infiltrazione. "Oggi il grande pericolo è che le mafie si stanno infiltrando nella comunicazione e nei giornali. Hanno comprato centri commerciali giganteschi, in particolare in Sicilia. La mafia è in borsa così come è all'interno di grandi club di calcio e in grandi banche internazionali. Dunque, questo può alterare le democrazie. Per questo ho il sospetto, basato su indagini giornalistiche giudiziarie, che la mafia è un braccio armato di grandi nazioni del mondo”. Continuando a spiegare cosa siano stati questi "lavori sporchi" svolti dalla mafia, il giornalista ha detto: "Nel sequestro di Aldo Moro, oltre ai terroristi, c'erano dei mafiosi. Stessa cosa con l'attentato a Borsellino: furono i mafiosi a premere il pulsante che fece detonare la bomba, ma c'erano i servizi segreti di mezzo. Abbiamo documenti che mostrano un carabiniere prendere la valigetta di Borsellino dove era contenuta la sua personale agenda rossa dove si annotava tutto. Questi è stato indagato ma poi venne assolto davanti al Gup di Caltanissetta”. Bongiovanni ha anche parlato dei mandanti esterni che ci potrebbero essere stati dietro la strage di via d'Amelio: "Si sta ancora indagando. Tutto quello che è stato scoperto è solo l'esempio a dimostrazione del fatto che i servizi segreti italiani sarebbero stati coinvolti nella strage. Esisterebbe un accordo in Italia che afferma che l'intelligence italiana dipende da quella americana della CIA. Quindi se in una delle stragi più grandi della storia italiana, la strage Borsellino, abbiamo la prova giudiziaria che avrebbero partecipato anche i servizi italiani, potrebbe stare a significare che anche gli americani c'erano di mezzo". Proseguendo sempre sui rapporti tra mafia e Stato, il direttore ha detto: "In Italia c'è stato un patto tra lo Stato e la mafia, la cosiddetta trattativa. E' stata scoperta da un grande magistrato come il dottor Nino Di Matteo insieme ad altri magistrati come Vittorio Teresi, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia, è riuscito a portare alla luce l'accordo che ha permesso alla mafia di avere protezione di alcuni uomini dello Stato. La mafia ha avuto curiosamente, in quasi 200 anni, la protezione dello Stato, e per questo superò il limite convertendosi in uno Stato dentro lo Stato”. Bongiovanni si è poi chiesto il motivo per il quale le organizzazioni criminali, nonostante i propri rappresentanti malavitosi “cadano”, o a causa dell’autorità giudiziaria che li arresta, o causa delle violenze interne, queste “continuano ad esistere”. “La cosa più impressionante è la ricchezza di gente che quando ha iniziato la propria carriera in Cosa Nostra non aveva un soldo e poi è diventata immensamente ricca, ciò significa che qualcuno in Italia lo ha permesso. E questo qualcuno è stato una parte dello Stato italiano, codardo e corrotto. Per questo ora dobbiamo convivere con questo problema". Parlando di 'Ndrangheta, Bongiovanni ha poi spiegato trattarsi di "un’organizzazione costituita da vari livelli al cui vertice c'è un sistema chiamato 'La Santa'. Un livello invisibile dove ci sono al suo interno mafiosi di alto rango, massoni, politici, religiosi, banchieri e personaggi dello Stato". Il direttore ha poi spiegato che "prima i politici si facevano corrompere dalla 'Ndrangheta", ma adesso "fanno parte di essa". Quindi ha citato gli esempi del senatore Caridi che è sotto processo per associazione mafiosa. O lo stesso Marcello Dell'Utri che ha ricevuto una condanna definitiva per associazione mafiosa. Quest’ultimo “aveva fatto patti con Cosa Nostra e ha fondato il partito Forza Italia insieme a Silvio Berlusconi”. "Tutto questo ha permesso ai mafiosi che alcuni politici collusi facessero delle leggi a loro favore. Leggi serie contro la mafia non sono mai state applicate con severità". Secondo il giornalista "si arrestano i soldati della mafia o quelli di un rango un pò superiore, ma la zona invisibile non si tocca. Questo è il patto e questo è ciò che la mafia è riuscita a raggiungere in questo momento".

Mafia e imprenditoria
Il Direttore di ANTIMAFIADuemila si è poi soffermato sul fertile terreno dell'imprenditoria dove la mafia, da sempre, affonda le proprie radici. "La criminalità organizzata cerca imprenditori di successo e quelli che stanno fallendo" ha affermato Bongiovanni che poi ha continuato: "Oggi la fortuna della criminalità organizzata è la crisi economica. L'unica organizzazione al mondo che ha liquidità è la mafia, ormai neanche le banche possono assicurare tale cosa. Quindi è molto probabile che le banche stesse hanno bisogno di denaro". Per far comprendere meglio, il direttore ha fatto un esempio: "Un grande imprenditore italiano che vende la pasta non aveva soldi e stava fallendo. Per questo si è rivolto a un boss che gli ha dato cinquanta milioni di euro. Una cifra più grande di quello che gli aveva chiesto, ma il mafioso gli chiese in cambio di diventare socio in affari. Non esiste una banca che possa privarsi di una cifra così grande di denaro in così poco tempo per un prestito senza battere ciglio".

La connesione con l'Argentina
Il rapporto tra mafia italiana e i narcos sudamericani? "La relazione è molto stretta. - ha spiegato Bongiovanni - La mafia italiana ha il monopolio del traffico della cocaina nell'emisfero occidentale e si sta espandendo in quello orientale. L'80% del traffico di droga lo possiede la mafia italiana". Per il giornalista il rapporto tra la mafia e i narcos risale agli anni '60, quando per i narcotrafficanti di droga Cosa Nostra era affidabile. "Pablo Escobar - ha spiegato - riceveva 'lezioni' dalla mafia, la imitava ed ammirava Totò Riina. L'affidabilità della mafia italiana è tale che se questa chiede un quantitativo di droga ai produttori sudamericani, questi la consegnano in accredito, ovvero la inviano senza essere retribuiti subito, ma solamente quando la mafia italiana aveva, precedentemente, promesso di pagarli". Riguardo a un'ipotesi secondo cui i grandi traffici di cocaina venissero combattuti dallo Stato argentino, il giornalista ha detto: "Sono convinto che la mafia perderebbe e di conseguenza perderebbe un sacco di soldi. I capi della mafia argentina, sfortunatamente sono italiani non argentini, quindi se il governo Macri volesse sconfiggere la mafia deve prima sconfiggere la 'Ndrangheta. Se questo dovesse succedere vincerebbe lo Stato, magari con numerose perdite ma vincerebbe. Il problema è che alcuni uomini di Stato non vogliono averne a che fare con questa ipotesi di contrasto alla criminalità organizzata perché è più facile prendere ingenti quantità di denaro che possono assicurare un futuro che mettersi contro di loro. Siamo deboli, peccatori e corruttori. E’ difficile rinunciare a un’offerta che un’organizzazione grande come la ‘Ndrangheta può offrire a un Presidente, un ministro piuttosto che a un funzionario".


Parlando poi della presenza delle mafia all'interno dello Stato argentino, Bongiovanni ha spiegato: "Non produce in Sudamerica, la mafia italiana ha delle cellule in questi paesi ma non si infiltra nella delinquenza locale, ammenoche non gli chiedano dei favori. Però sono comunque i padroni di tutto il narcotraffico. Le mafie locali non si intromettono con quelle italiane, hanno rispetto. La mafia guadagna in Italia 80 mila milioni di euro netti all’anno". E riguardo a una probabile connessione tra la cosca Macrì e i discendenti del presidente Mauricio Macrì, il giornalista ha spiegato: "In Italia esiste una famiglia di cognome Macri molto potente, ce ne sono diverse. Se il presidente dell’Argentina è in qualche modo coinvolto con la mafia italiana non possiamo dirlo perché non abbiamo riscontri giudiziari. Però abbiamo rivelazioni di pentiti che hanno parlato di un eventuale coinvolgimento della famiglia del presidente argentino con la mafia italiana, ma le investigazioni sono ferme non ci sono altre testimonianze. Questi pentiti dicevano che la famiglia Macrì veniva dalla ‘Ndrangheta e poi emigrò in Argentina".
Non è mancata una domanda riguardo la Chiesa ed il suo operato: "I livelli più alti del vaticano sono stati coinvolti con scandali di pedofilia, mafia e corruzione. Ma di questo Papa, almeno fino ad ora, non posso parlare male. Francesco è stato l’unico Papa negli ultimi 500 anni di storia della Chiesa che ha attaccato la mafia non solo a parole ma anche a fatti. Firmando una scomunica dei mafiosi. Questa è stata un’offesa per la mafia, che lo detesta”.

Il ruolo della mafia nell'immigrazione
Nell'intervista al canale argentino, si è parlato del ruolo della mafia all'interno dei flussi migratori: “Il guadagno proveniente dall'immigrazione clandestina è nulla in confronto al traffico di droga. - ha concluso il direttore - E’ vero che bisogna un minimo controllare i flussi migratori, come anche è vero che ci sono delinquenti che si mettono in combutta coi migranti. C’è una mafia africana, in connessione alle mafie italiane di basso livello, che sfrutta queste povere persone. I grandi capi della mafia non sono interessati a fare affari con l’immigrazione ammenoche non le chieda una cortesia i livelli alti della mafia".

“Sueño blanco” uno spettacolo firmato Our Voice
Assieme al direttore di ANTIMAFIADuemila, Giorgio Bongiovanni, è intervenuta anche la figlia Sonia Tabita Bongiovanni, nonché leader e ideatrice del Movimento Culturale Internazionale Our Voice. Un gruppo teatrale di giovani nato in Italia nel 2013 quando Sonia aveva solo 13 anni. Il “battesimo” del movimento, però, come ha raccontato sempre la giovane leader, è avvenuto solo nel 2017 proprio in Sudamerica. Our Voice, che negli anni è riuscita a travalicare i confini nazionali approdando in Argentina, Uruguay e di recente anche in Paraguay, si prefigge l’obiettivo di risvegliare le coscienze, in particolare, delle nuove generazioni, soprattutto attraverso la potenza dell’arte, considerata da Our Voice, il mezzo più efficace e diretto per perseguire tale scopo. “Noi come movimento artistico di giovani crediamo che è molto importante denunciare la mafia ma in generale tutte le ingiustizie sociali tramite l’arte per dare un mezzo di espressione e di comunicazione ai giovani e dire tramite la denuncia si può fare molto”, ha esordito Sonia Bongiovanni. “Crediamo che il messaggio che portiamo avanti arrivi direttamente alle coscienze dei giovani e delle persone ed è un messaggio potente capace di dire ai giovani che noi siamo i protagonisti di questa società e come giovani cittadini dobbiamo informarci e dar appoggio a chi lotta per distruggere questo potere criminale nel mondo che esiste da moltissimo tempo”. L’attrice ha poi risposto alla domanda del giornalista Rolando Graña riguardo al consumo delle sostanze stupefacenti e il largo uso e abuso che se ne fa tra i più giovani. “Noi siamo contro la droga - ha detto Sonia con fermezza - perché vediamo che oggi la maggior parte dei giovani, anche tra i nostri amici e conoscenti, ne fa uso e purtroppo tutto questo viene visto come qualcosa di normale. Crediamo che per essere protagonisti di un cambio importante nel mondo, dobbiamo prima cambiare noi stessi nelle nostre abitudini quotidiane, quindi non consumando nessun tipo di sostanza stupefacente. Molti di fronte a questa nostra presa di posizione contro le droghe si avvicinano a noi, perché lo vedono in prima persona, ma altri sfortunatamente si allontanano. Noi vogliamo dire che con la nostra vita possiamo dare un esempio enorme alla società intera. E per questo obiettivo non abbiamo paura di nulla, nemmeno della morte”. “Inoltre - ha spiegato la giovane artista - il fatto che siano dei giovani a lanciare un messaggio di riscatto sociale fa si che gli altri giovani, vedendo che siamo coetanei, si avvicinano a noi con più facilità e spontaneità, capita però a volte che non arrivino a fare il passo in più verso questa realizzazione tramite l’azione. Ma siamo fiduciosi perché abbiamo conosciuto tanti ragazzi di tante associazioni simili alla nostra che vogliono affrontare questo sistema e noi vogliamo unirci a loro”. Ma non finisce qui Our Voice questa sera porterà in scena a Buenos Aires, proprio nella ex Esma, luogo di morte dove venivano torturati i desaparecidos durante la dittatura di Videla, un nuovo spettacolo intitolato “Sueño blanco”. Un’opera teatrale, tutta made in Our Voice, “che racconta la storia di un militare argentino durante la dittatura. In questo spettacolo toccheremo anche il tema dei desaparecidos. Parleremo quindi di quei giovani come noi, che vissero in quegli anni duri. Cerchiamo di unire tutte queste ingiustizia in una stessa opera per mostrare l’idea che abbiamo noi giovani d’oggi a favore della vita”.

ARTICOLI CORRELATI

Il pm Di Matteo intervistato da Infobae dopo il seminario in Argentina

Gratteri: ''I miliardi del narcotraffico possono alterare una democrazia''

'Ndrangheta, Cosa nostra e il sistema criminale integrato

Mafia, massoneria e servizi. Virgiglio racconta il ''Potere'' al processo 'Ndrangheta stragista

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa