Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Sentenza Mileti, Simone Maurelli: ''Continuare a lottare per la verità''

Sentenza Mileti, Simone Maurelli: ''Continuare a lottare per la verità''

manca attilio web4di Lorenzo Baldo
Il commento dell’ex collega e amico di Attilio Manca all’indomani del verdetto di Viterbo

“Questa storia è iniziata sotto un profilo di sotterfugi, depistaggi, e tanto fango gettato su Attilio. In un primo momento erano quasi riusciti a confondermi le idee. Hanno perseguito questa strada fino a terminarla... E comunque da Viterbo non mi aspettavo niente di particolare”. A commentare la sentenza di condanna nei confronti di Monica Mileti è il dottor Simone Maurelli, urologo presso l'ospedale Belcolle di Viterbo, amico ed ex collega di Attilio Manca. Lo scorso dicembre il dottor Maurelli aveva scritto di suo pugno una emozionante lettera aperta dedicata al suo amico. Quella stessa emozione è più che mai palpabile. Al telefono spiega di voler riporre “l’unica speranza che ho” nel fascicolo aperto a Roma per omicidio contro ignoti. Poi si ferma un attimo a riflettere sulla consapevolezza di Monica Mileti di essere stata un “capro espiatorio”. “Tutto ciò mi fa rabbrividire ancora di più, se penso che una persona preferisce andare in prigione piuttosto che parlare, è evidente che si tratta di qualcosa di grosso...”.
“La mia è stata una presa di coscienza lenta e abbastanza dolorosa - spiega Maurelli - soprattutto una volta che tutti i tasselli sono tornati al loro posto, secondo un ordine logico.Questa è veramente una storia dolorosa: per Attilio e per l’Italia intera”. Qualche istante di silenzio e poi riprende fiato. “Alcuni giorni fa stavo guardando un film sulla strage di Ustica... ebbene, se sono riusciti a realizzare una strage del genere, figuriamoci con Attilio… Penso anche alla strage di Bologna, a quella di Piazza Fontana e a tutte le altre… E’ uno Stato che ha delle facce molto inquietanti. Noi pensiamo di essere in un Paese democratico e invece questo Stato mostra ogni tanto degli aspetti realmente raccapriccianti”. Una vena di nostalgia attraversa le parole di questo giovane medico. “Mi dispiace soprattutto per i genitori, per il fratello, per le persone che gli volevano bene. Attilio era una persona particolarmente affettuosa e generosa, non finirò mai di dirlo…”. “Quando ho letto le dichiarazioni della mamma di Ilaria Alpi - afferma con convinzione - ho pensato subito alla madre di Attilio. Luciana Alpi ha detto di non avere più fiducia in questa giustizia: come darle torto? Ilaria Alpi si è scontrata con un traffico d’armi in cui sicuramente erano coinvolti i Servizi italiani e quelli americani, e poi è andata come è andata”. “Ma al di là che io sia pessimista - conclude Maurelli -, è giusto lottare fino alla fine nella speranza che si possano trovare magistrati onesti come Nino Di Matteo che credono nel loro lavoro. Credo fermamente che bisogna continuare a combattere nel nome di queste persone per arrivare finalmente alla verità”.

ARTICOLI CORRELATI

Caso Manca, il giudice: l’urologo è morto per droga, condannata la Mileti

Monica Mileti condannata a 5 anni e 4 mesi, il caso Manca è (per Viterbo) chiuso

Condanna Mileti, Repici: ''A Viterbo una omissione di atti di ufficio''

Mileti condannata, Ingroia: ''Una sentenza abnorme, come quelle di 50 anni fa''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa