Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Trattativa: pm Tartaglia nel mirino, incursione nella sua abitazione

Trattativa: pm Tartaglia nel mirino, incursione nella sua abitazione

tribunale-palermo-big2Riunione urgente del comitato per l'ordine e la sicurezza
di Aaron Pettinari - 29 giugno 2013
Sale la tensione in Procura. Dopo le lettere anonime di minaccia al pm Antonino Di Matteo, titolare dell'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, è un altro pm del pool a finire nel mirino. Giovedì si è verificato un vero e proprio raid nell'abitazione di Roberto Tartaglia, proprio mentre il sostituto procuratore era all’aula bunker dell’Ucciardone per l’ultima udienza del processo.
Tornando a casa, sita nella zona di piazza Castelnuovo, Tartaglia si è accorto che la serratura era stata forzata. Una volta entrato nell'appartamento si è accorto che alcuni oggetti erano stati presi dalla sua camera da letto ed impilati su un mobile dell'ingresso. Gli ignoti autori del gesto hanno rovistato nei cassetti ma non hanno portato via nulla dalla casa. Ieri pomeriggio si è tenuto il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza che ha deciso un rafforzamento delle misure di vigilanza attorno a Roberto Tartaglia, che è già scortato da due carabinieri, tramite l'installazione di alcune telecamere e l'aumento dei controlli nel condominio dove abita.

Durante la riunione del comitato si è anche ratificato l’innalzamento del dispositivo di sicurezza al massimo livello previsto per il pm Antonino Di Matteo. Una decisione giunta dall’Ufficio centrale scorte di Roma, su proposta di Palermo.
Negli ultimi mesi il livello di allerta in Procura si è alzato non solo per la lettera anonima recapitata a Di Matteo. Infatti anche al pm Del Bene è stata rafforzata la scorta dopo che in carcere erano state registrate alcune conversazioni tra un mafioso del clan della Noce ed un suo familiare in cui diceva esplicitamente "Quel pm deve morire".

La redazione di ANTIMAFIADuemila esprime la propria solidarietà e vicinanza al pm Tartaglia chiedendo alle autorità preposte di mantenere sempre più alta l'attenzione per la sicurezza dei magistrati che compiono delicatissime indagini.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa