Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Processo ''Gotha'': torna in libertà ex senatore Antonio Caridi

Mafie News

Processo ''Gotha'': torna in libertà ex senatore Antonio Caridi

Decisione del Tdl di Reggio Calabria. Era in carcere dal 2016
di AMDuemila
L'ex senatore Antonio Caridi, arrestato nell’agosto 2016 e imputato nel maxi-processo “Gotha” che vede alla sbarra anche gli avvocati Paolo Romeo e Giorgio De Stefano (quest’ultimo già condannato con il rito abbreviato a 20 anni di reclusione), è tornato in libertà.
A deciderlo è stato il Tribunale della libertà di Reggio Calabria dopo che la Cassazione aveva per due volte rinviato la posizione dell'ex parlamentare in ordine all'esigenza di custodia cautelare per avere fatto parte di una cupola politico-affaristico-mafiosa che dominerebbe la vita economica e sociale di Reggio Calabria da almeno 15 anni.
Secondo la Procura, Antonio Caridi faceva parte della componente “riservata” della ‘ndrangheta in grado di dettare le linee strategiche dell’intera organizzazione criminale. Stando alle carte del processo “Gotha”, infatti, l’ex senatore di Forza Italia, poi transitato al Gal, sarebbe stato uno dei politici al servizio di De Stefano e Romeo. I pm della Dda, nell’atto di accusa indicano Caridi come "partecipe qualificato" fruendo dell'appoggio dei De Stefano "in tutte le elezioni alle quali ha preso parte" e operando "in modo stabile, continuativo e consapevole a favore del sistema criminale di tipo mafioso che agevola mediante l'uso deviato del proprio ruolo pubblico", conclusione rigettata dalla Suprema Corte. In attesa di leggere le motivazioni della sentenza del Tribunale, ovviamente da ora l’ex senatore, difeso dagli avvocati Carlo Morace e Valerio Spigarelli, risponderà in stato di libertà dinanzi al Tribunale, presieduto da Silvia Capone, dove si sta celebrando il dibattimento con il rito ordinario.

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa