Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: “New Bridge”, sequestrati beni per 2 mln di euro

Mafie News

'Ndrangheta: “New Bridge”, sequestrati beni per 2 mln di euro

polizia-web14di AMDuemila - 7 maggio 2014
A due milioni di euro ammontano i beni sequestrati ieri a personaggi già arrestati nel corso dell'operazione “New Bridge”, che lo scorso 11 febbraio aveva permesso lo smantellamento di un “nuovo ponte” esistente tra la Calabria e il Sud America. Il blitz si era svolto nell'ambito del protocollo d'intesa fra il Dipartimento della Pubblica Sicurezza italiano ed il Federal Bureau of Investigation degli Usa. L'alleanza transoceanica criminale riguardava nello specifico il traffico internazionale di stupefacenti, e vedeva come punto di riferimento la cosca di 'Ndrangheta degli Ursino di Gioiosa Jonica (famiglia dell'entourage mafioso reggino) i Gambino di New York e un altro gruppo mafioso armato insediatosi nel territorio della provincia di Benevento.
L'operazione di ieri, invece, è stata eseguita dalla Polizia di Stato di Reggio Calabria e il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, in collaborazione con le Questure di Benevento e Catanzaro, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria.

Le indagini patrimoniali scattate in seguito al provvedimento di fermo avrebbero accertato una sproporzione tra le disponibilità economiche di sei soggetti e i redditi dichiarati. Sono così scattati i sequestri nei confronti di Carlo Brillante, Domenico Geranio, Nicola Simonetta (suocero di Franco Lupoi, trafficante di droga legato ai Gambino e 'aggancio' con la famiglia Ursino in Italia), Francesco Ursino (figlio del boss Antonio, ora detenuto), Francesco Vonella e Cosimo Morando.
“L'indagine non si ferma con gli arresti ma prosegue con la caccia ai patrimoni illeciti, un'azione che completa l'opera investigativa. Non molliamo di un solo centimetro: questi beni devono rientrare nella disponibiltà dello Stato” ha dichiarato il capo della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, Gennaro Semeraro, spiegando l'operazione che ha portato al sequestro di alcune attività commerciali come un bar, un ristorante, una ditta edile, una rivendita di autovetture e alcuni appartamenti, fabbricati e terreni. L'indagine di tipo patrimoniale è stata condotta dallo Sco (Servizio Centrale operativo della Polizia di Stato) e dalla questura di Reggio Calabria, che hanno operato su direttiva della Dda di Reggio Calabria. L'informativa di applicazione della misura accolta dalla procura reggina è stata precedentemente firmata da Gennaro Semeraro, capo della Squadra Mobile di Reggio Calabria, e da Andrea Grassi, direttore della Prima Divisione dello Sco. Si tratta degli stessi investigatori che avevano firmato le informative sull'operazione “New Bridge” e che continuano nella loro azione per smantellare i rapporti tra la 'Ndrangheta della Jonica e le sue ramificazioni nazionali ed estere.

ARTICOLI CORRELATI

‘Ndrangheta, 26 arresti: scoperto traffico di droga sull’asse Calabria-New York

Viaggio nel tesoro della mafia, Gratteri: “Difficile fare seria azione di contrasto”

La 'Ndrangheta e la famiglia Gambino

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa