Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta ‘Ndrangheta, un “ingranaggio” per depistare le indagini sui Mancuso

Mafie News

‘Ndrangheta, un “ingranaggio” per depistare le indagini sui Mancuso

lento-maurizio0Arrestati il legale dei Mancuso, l’ex capo e il vice della Mobile di Vibo
di AMDuemila - 25 febbraio 2014
Uomini della Squadra Mobile ma anche solerti depistatori di indagini contro il clan Mancuso di Limbadi. L’ennesima conferma delle molteplici infiltrazioni della ‘Ndrangheta dentro e fuori i palazzi delle istituzioni. È quanto è emerso a seguito dell’arresto dell’ex capo della Mobile di Vibo Valentia Maurizio Lento (foto in alto) e del suo vice Emanuele Rodonò (foto in basso). Il primo prestava attualmente servizio alla Questura di Messina, il secondo era al reparto mobile di Roma ma entrambi, tra il 2009 e il 2011, avrebbero “omesso lo svolgimento di qualsiasi attività investigativa su tale sodalizio criminale, in palese violazione dei propri doveri d’ufficio” non trasmettendo “ai magistrati le segnalazioni sulla possibile esistenza di reati” ma anzi concentrando “le attività investigative del reparto da loro diretto nei confronti di un cartello di cosche avverse ai Mancuso”.

Di questo sono convinti gli inquirenti in riferimento ai due soggetti che sono finiti al centro dell’inchiesta della Dda di Catanzaro (firmata dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli) arrestati dai Ros dei Carabinieri su ordine del Gip di arresto-lento-FOTO CHIEFALOCatanzaro Abdigal Mellace per concorso esterno in associazione mafiosa. Finito in manette anche Antonio Galati, avvocato della famiglia Mancuso nonché secondo le indagini importante uomo cerniera tra la ‘ndrina ed esponenti delle istituzioni, magistrati e poliziotti. Per merito di Galati i Mancuso avrebbero beneficiato di trattamenti di favore grazie all’acquisizione di informazioni riservate e garantendo “la possibilità di continuare ad operare in condizioni di massima tranquillità e clandestinità” grazie ad “una rete impressionante di amicizie e frequentazioni che Galati con grande abilità è riuscito a intessere attorno alla sua persona”.
Nell’inchiesta sono registrati gli incontri del legale dei Mancuso con alcuni giudici. Nel corso delle conversazioni intercettate si fa riferimento agli scontri tra magistrati avvenuti tra il 2009 e il 2011 presso il Tribunale e la Procura di Vibo di cui si sono poi occupati i magistrati di Salerno. È l’inchiesta Purgatorio, iniziata nel 2010 (l’indagine che ha portato ai tre arresti di oggi ne è una costola) che rivela una serie di rapporti tra i boss e diversi rappresentanti delle istituzioni. Sulla scena c’è anche lo stesso Galati, precedentemente rodono-emanuelecoinvolto nell’indagine “Do ut des” del 2005 dove è accusato (ed attualmente assolto in primo grado) assieme all’ex giudice del tribunale di Vibo Patrizia Pasquin e a diversi imprenditori e professionisti di corruzione in atti giudiziari, concorso in truffa aggravata in danno della Regione Calabria e dell’Unione europea.
Con l’inchiesta Purgatorio viene dunque svelato l’ingranaggio di cui dispone la ‘Ndrangheta, nel quale Galati era inserito grazie ad una serie di amicizie – magistrati come Guido Bianchi, Giampaolo Bonisegna, Cristina De Luca, Manuela Gallo – attraverso le quali carpiva informazioni o fomentava liti. L’obiettivo: condizionare l’esito di processi in cui erano coinvolti i Mancuso, violare il segreto d’ufficio, alimentare una sorta di guerra interna contro altri magistrati del distretto di Catanzaro, anche attraverso un’opera di “dossieraggio” perpetrata proprio da Galati.

In foto: la conferenza stampa degli inquirenti (© CHIEFALO)

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa