Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Alla fine cadrà il 416 bis

Di la tua | AntimafiaDuemila

Alla fine cadrà il 416 bis

di Davide Mattiello*
La sentenza della Corte Costituzionale sull’ergastolo ostativo mi preoccupa anche (!) perchè rivela una grave sottovalutazione della mafia come organizzazione criminale permanente (sarebbe utile farsi dare dalla DNA una statistica dei “fine pena” tra i boss senza ergastolo).
Dalla mafia non ci si dimette e chi cerca di scappare lo fa a suo rischio e pericolo (penso soprattutto alle donne uccise perchè hanno cercato di girare pagina). Come se essere mafiosi fosse una condizione disponibile da parte dell’individuo. Non è così. E’ semmai una condizione disponibile da parte della mafia stessa, che se considera un suo affiliato infame, lo disconosce, lo ammazza, lo fa sparire (ecco perchè è così importante la decisione di collaborare).
Questo strabismo porterà presto, temo, a mettere radicalmente in discussione il 416 bis come reato associativo: si dirà che non si può essere condannati per la semplice appartenenza ad una associazione, se non si dimostra che chi appartiene a quella organizzazione ha commesso determinati reati-fine.
E si rischia di tornare a quando i capi della mafia, potenti e insospettabili che non si sporcavano le mani, andavano tutti impuniti perchè si poteva procedere soltanto per il singolo omicidio, la singola partita di droga.
E quanto resisterà la “orribile” inversione dell’onere della prova nei sequestri di prevenzione?
Per non parlare di quel mostro poliforme che è la DIA, mai completamente digerita o del potere di coordinamento e di impulso della DNA, lesivo dell’autonomia del giudice naturale… e via seguitando.
C’era una volta la mafia che faceva la guerra allo Stato, una anomalia, che però ha avuto il “merito” di mostrare al Mondo la pericolosità del fenomeno. Quella mafia, in Italia, non c’è più: a fare tesoro della lezione sono stati loro.

* Presidente di Benvenuti in Italia e Consulente della Commissione Parlamentare Antimafia della XVIII legislatura

Tratto da: liberainformazione.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa