Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla #maglietterosse, una questione di umanità

Di la tua | AntimafiaDuemila

#maglietterosse, una questione di umanità

8di Davide de Bari - Foto
Grande partecipazione in tutta Italia all’iniziativa promossa da Libera
Lo scorso sabato tutta l’Italia si è colorata di rosso, partecipando massivamente alla manifestazione #maglietterosse indetta da don Luigi Ciotti di Libera e Gruppo Abele, da presidenti di Arci, Legambiente, Anpi e dal giornalista Francesco Viviano (autore insieme ad Alessandra Ziniti del libro “Non lasciamoli soli”). L’iniziativa è stata fortemente voluta da don Ciotti per lanciare un chiaro messaggio: fermare l’emorragia di umanità; dedicando questo giorno per esprimere solidarietà alle vittime dei naufragi nel Mediterraneo, soprattutto dei più piccoli, come Aylan, che è diventato un simbolo. Anche noi di ANTIMAFIADuemila e Our Voice abbiamo voluto prendere parte al profondo messaggio e richiamo di solidarietà e umanità, partecipando al flash mob organizzato dal presidente dell’ANPI provinciale, Lorenzo Marconi, in Piazza della Libertà a Macerata. “Prima di tutto - ha dichiarato Marconi - occorre essere umani di fronte a ciò che ci accade intorno. Non possiamo ignorare che certe azioni messe in atto dal Governo abbiano contribuito ad aumentare i morti in mare. E questo ci sembra disumano”.
La manifestazione non è stata solo un “segno”, come ha evidenziato don Ciotti a Roma, ma uno spunto per poter “riflettere”. E che da questo partano “le azioni, la concretezza e l’impegno”.


Tutti davanti alla morte di migranti naufragati nel Mediterraneo, spesso costretti a scappare dal proprio paese per cercare una vita migliore, ci indignammo, senza far sbocciare la consapevolezza e quindi il sentimento di solidarietà di poterli aiutare. Perché questo non avviene? Forse per il semplice fatto che quando questi migranti vengono salvati abbiamo paura che possano rubare o appropriarsi di qualcosa di nostro, come il lavoro. E da qui che iniziamo a guardare l’altro come un nemico, innescando il sentimento dell’odio. Ma noi chi siamo per dire che questi migranti non hanno il diritto di essere aiutati, chi siamo noi per dire: “No tu non puoi sopravvivere, non puoi realizzare una tua passione o un tuo sogno”. Chi siamo noi per negare ad altri essere umani meno fortunati di noi un aiuto. Forse ci dimentichiamo che alla base di una comunità e di uno Stato c’è un elemento fondamentale, che è la solidarietà, come recita l’articolo 2 della Costituzione: “La Repubblica riconosce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”. Forse non ci ricordiamo che ciascun essere umano ha diritto ad avere la propria dignità per poter essere libero di esprimere se stesso, realizzando i propri sogni e le passioni tramite il lavoro. E’ questo che fondamentalmente recita l’articolo 1 della nostra Costituzione: “L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”. Questo dovrebbe essere il dovere di ogni Stato, non solo nei confronti dei propri cittadini, ma di uomini e donne che all’interno della società partono svantaggiati. Diritti di uguaglianza riconosciuti nella nostra carta costituzionale (art.3): “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa