Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Briciole di Costituzione: libertà di pensiero e fascismo

Di la tua | AntimafiaDuemila

Briciole di Costituzione: libertà di pensiero e fascismo

32a Puntata
di Michele Del Gaudio

Nelle ultime settimane giornali e tv sono zeppi di dibattiti su fascismo, antifascismo, apologia, cioè elogio, del fascismo. Cerchiamo di capirci di più.
La Costituzione all’art. 21 prevede: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Destano quindi perplessità i reati di opinione, che puniscono idee, teorie, principi, in contrasto con l’art. 21, che consente a chiunque di dire ciò che vuole anche contro le istituzioni, purché non ingiuri o diffami uno o più individui.
Il Codice penale con la legge 85/2006 ne ha eliminato alcuni, ma ne ha conservati altri, come l’istigazione a delinquere (art. 414) e a disobbedire alle leggi (art. 415). La stessa Costituzione nella XII Disposizione Finale vieta “la riorganizzazione… del disciolto partito fascista”. E la legge 645/1952 punisce la sua ricostituzione, l’apologia, la formazione di associazioni simili.
Il fascismo secondo il Vocabolario Trecani è il movimento “politico italiano che trasse origine… dai Fasci di combattimento fondati nel 1919 da Benito Mussolini e che, costituitosi in partito nel 1921, conquistò il potere nel 1922… trasformandosi… dal 1925 in un regime dittatoriale… fino al 25 luglio 1943”.
Quindi attualmente vanno sciolte tutte le associazioni che richiamano idee e condotte fasciste, oppure le esaltano. Gridare “Onore a Mussolini”, come è accaduto di recente a Milano, è reato.
Io però coglierei la palla al balzo per dimostrare che l’Italia è profondamente democratica e abrogherei tutte le norme che condannano le sole idee, mentre confermerei i reati lesivi di persone e cose. La mia condanna del fascismo è netta! E mi auguro che l’Italia non soffra più di questo morbo cruento. Ma l’articolo 21 è smisurato è va applicato senza confini. Il fascismo va combattuto con idee e comportamenti democratici, non nuocendo a chi si affilia al fascismo senza praticarlo.
Uno Stato democraticamente forte, come il nostro oggi, non può temere nessun reato di opinione. È chiaro che uno stato democraticamente forte è cosa diversa da uno stato forte, con un governo forte. Dove più forte è la democrazia, meno forte è il governo, oggetto delle critiche della stessa maggioranza, dell’opposizione, della stampa, dei cittadini. La normativa repressiva dei reati di opinione è propria di uno stato forte strutturalmente, come quello fascista, ma debole a livello di consenso popolare, tanto da patire e perseguire le concezioni che neghino la sua dottrina. Uno Stato veramente democratico deve favorire il dissenso come elemento essenziale di crescita del sistema, lasciando libere le coscienze di esprimere idee, valutazioni, anche antidemocratiche, purché non si passi dalle parole ai fatti.
Sicuramente mi attirerò delle critiche, ma sono convinto che non si può censurare il pensiero. Questo lo faceva il fascismo, noi siamo antifascisti!
Briciole di Costituzione è un percorso di diffusione dei valori fondanti della Costituzione attraverso brevi commenti, che pubblico ogni mercoledì dal 3-10-18. È rivolto a ragazze e ragazzi di tutte le età. Se siete interessati iscrivetevi al “Gruppo Facebook Briciole di Costituzione” oppure comunicatemi l’iscrizione alla mailinglist. Vi sarei grato se aderiste all’iniziativa e la diffondeste nei vostri diari, blog, siti, giornali, tv.

Tratto da: "Briciole di Costituzione" di Michele Del Gaudio

ARTICOLI CORRELATI

Briciole di Costituzione. La responsabilità

Briciole di Costituzione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa